Concertone di Capodanno salvo, addobbi natalizi soltanto in una ristretta parte di città.

E’ questa la scelta su cui è orientata la gran parte dei consiglieri comunali in vista dell’approvazione della manovra di riequilibrio di bilancio, che dovrà essere votata entro questo sabato.

Fervono le riunioni in commissione finanze, dove si stanno esaminando tutti gli incartamenti da portare all’attenzione del parlamentino civico.

Si viviseziona al microscopio lo spostamento di ogni euro da un capitolo di spesa all’altro per cercare di trovare un equilibrio tra l’utile, il necessario e il dilettevole, ma soprattutto per provare a non acuire ancor di più le clamorose fratture che hanno portato il sindaco ad azzerare la Giunta in seguito alla richiesta, da parte di otto consiglieri della coalizione, di privilegiare, nella manovra, l’appostamento di somme destinate alla riparazione dei danni prodotti dal maltempo.

E una “quadra” pare si sia trovata proprio ieri, con un primo accordo tra le varie ‘sensibilità’, stabilendo di finanziare con 910  mila euro l’emergenza maltempo e di installare le luminarie solo nel centro storico (con una spesa che dovrebbe ammontare a circa un terzo di quanto inizialmente preventivato) lasciando inalterate le somme già stanziate per l’evento musicale della notte di San Silvestro in piazza, che dunque non subirebbe alcun ridimensionamento.

Fino al 30, ovviamente, tutto può ancora accadere, ma la situazione, adesso è questa.

Non resta dunque che attendere altri quattro giorni per capire se davvero nelle strade di via Napoli, Agnano, Arco Felice, Monterusciello, Toiano, Licola e zona alta di Pozzuoli, in questo fine anno il Municipio non farà sentire aria di festa…

Commenti