domenica, Maggio 19, 2024
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Mario Cutolo spiega il perché del “muro di legno” tra lido Montenuovo e spiaggia libera…

“E’ stata solo legittima difesa”. E’ questa la giustificazione con cui l’imprenditore Mario Cutolo (titolare della società concessionaria del lido “Montenuovo”) motiva l’inserimento di una serie di assi di legno a protezione dell’inferriata che divide lo stabilimento balneare dalla spiaggia libera.

Una sorta di “muro” realizzato stamattina e denunciato da una nostra lettrice, sia a Pozzuoli21 sia al sindaco Figliolia.

“Ho chiesto, subito dopo il vostro articolo, ai miei collaboratori, cosa avessero combinato e mi hanno risposto che quella precauzione era diventata necessaria per evitare di continuare ad essere bersagliati dal lancio di pietre che arriva sistematicamente dalla spiaggia libera. A fare questo sono i ragazzini che vorrebbero tuffarsi da questo pontile pericoloso e fatiscente, cosa che i bagnini del mio lido cercano ogni volta di impedire, prendendosi ogni volta come risposta una pioggia di pietre attraverso proprio quelle inferriate –spiega Cutolo- Ho fatto togliere quel legno immediatamente ma da domani non so cosa accadrà. Non posso mica chiedere ai vigili urbani, alla polizia o ai carabinieri di mettersi lì ad evitare le sassaiole! In merito invece al cancello chiuso per l’accesso pedonale al lido dalla spiaggia libera, il motivo è sempre di sicurezza. Quel cancello è rotto e qualcuno potrebbe farsi male. L’ho installato io, abusivamente, tagliando un pezzo di muro proprio perché volevo far accedere i bagnanti liberamente da una parte all’altra dell’arenile. Ho scritto al Comune per sostituirlo ma non mi hanno risposto. Se vogliono, possono anche rimettere il muro, poi voglio vedere se i cittadini se la prenderanno anche con l’Amministrazione…”.

spot_img

Latest Posts

spot_img
spot_img
spot_img

ALTRI ARTICOLI

ARTICOLI PIU' LETTI