Salvatore Mercurio, il militare che si è tolto la vita

Pozzuoli piange un proprio figlio emigrato al Nord per lavoro.

Si chiamava Salvatore Mercurio, aveva 32 anni ed era originario del rione Artiaco.

E’ stato trovato morto nella notte tra mercoledì e giovedì dai suoi commilitoni della caserma “Pascal” di Pinerolo, in provincia di Torino, dove il nostro giovane concittadino prestava servizio come caporal maggiore del terzo reggimento degli Alpini.

La caserma di Pinerolo in cui è avvenuta la tragedia

Salvatore si è tolto la vita impiccandosi ad una rampa di scale.

I suoi amici e colleghi di lavoro (che lo avevano visto fumare una sigaretta qualche minuto prima della tragedia) hanno fatto di tutto per soccorrerlo, ma purtroppo, quando è arrivata l’ambulanza, i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Salvatore non ha lasciato biglietti né messaggi che spiegassero il suo tragico gesto (per la cronaca, si tratta del secondo suicidio avvenuto nello stesso reggimento nel giro di quindici mesi: a maggio 2018 si uccise un maresciallo di 42 anni appena tornato da una missione in Iraq).

Un’immagine di Salvatore Mercurio

Salvatore lascia la moglie e due bimbi in tenera età, una femminuccia di 2 anni e un maschietto di 5 anni e mezzo.

Sembra che negli ultimi tempi stesse attraversando un periodo di forti tensioni familiari, che pare lo avessero indotto a trascorrere le notti in caserma anziché nella propria abitazione.

Lunedì alle 11 i  funerali,   nella chiesa di San Luca ad Arco Felice.

Commenti