Quella di ieri è stata l’ennesima serata ad alta tensione per i vigili urbani puteolani, che hanno rischiato il linciaggio da parte di alcune decine di cittadini inferociti.

Tutto è iniziato quando una pattuglia della municipale ha multato un’auto in divieto di sosta nei pressi della cassa armonica, di fronte alla farmacia “Azan”, a pochi passi dall’ingresso in piazza della Repubblica.

In pochi attimi si è scatenato il parapiglia, con i caschi bianchi prima sbeffeggiati e poi bersagliati da male parole e intimidazioni di ogni genere.

Gli animi si sono riscaldati a tal punto che si è sfiorata addirittura la rissa, con alcune persone che, inizialmente fermate per essere identificate, sono riuscite a scappare via.

Sono attualmente in corso indagini per risalire alle generalità di tutti coloro che hanno aggredito verbalmente gli uomini diretti dal comandante Mignone.

Non è la prima volta, purtroppo, che si verificano episodi del genere.

Lo ha ben descritto, in un’intervista rilasciata quattro giorni fa a Pozzuoli21, un vigile che, chiedendo di mantenere l’anonimato, ha raccontato di come il lavoro del Corpo per far rispettare qualsiasi regola stia diventando sempre più rischioso e di come i vigili, pochi in strada e mal supportati dalle forze dell’ordine, si sentano troppo “esposti” a reazioni inconsulte da parte di una fetta di popolazione sempre più insofferente alle norme.