Ricevo e pubblico*

Gentile direttore Pontillo, ieri 12 maggio ho letto sul suo blog “Botti notturni, il divieto di Figliolia resta carta straccia” nel quale un cittadino scrive ed aggiunge anche il video dell’uso di fuochi d’artificio la sera prima in Piazza Capomazza, sebbene il Sindaco abbia tassativamente vietato tale uso con ordinanza del 2015.

Non le dico cosa succede, quasi ogni sera, nei paraggi dell’ospedale che viene ritenuto  da qualche sconsiderato non luogo di sofferenza ma luogo di vacanza.

Botti a tarda sera per battesimi, cresime, comunioni, onomastici, compleanni ed eventi di ogni   genere che fanno saltare dal letto e provocano per ore panico negli animali della zona.

E’ possibile che  questa storia debba continuare all’infinito?

Che questa Città non debba essere una Città normale?

Che in questa città si debbano accendere ogni giorno e a qualsiasi ora inquinanti  falò  di erbe fresche se l’ordinanza del Sindaco consente sporadiche accensioni considerando le condizioni del clima?

Confido in un controllo severo da parte delle Forze dell’ordine perché ritengo “legge” le ordinanze emesse dal Sindaco.

*Vincenzo Adinolfi

Commenti