Con un comunicato stampa diramato oggi dal suo portavoce e con un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, il sindaco Enzo Figliolia ha annunciato la decisione della Giunta (CLICCA QUI PER LEGGERE LA DELIBERA) di affidare i locali sottostanti piazza a mare come parcheggio ad un’impresa privata, che lo avrà in concessione per i prossimi vent’anni in regime di progetto di finanza.

L’area di sosta dovrebbe essere inaugurata entro settembre del 2022, sarà aperta 24 ore su 24 e conterrà spazi per 72 auto e 34 motocicli.

La società che la gestirà (Netcom Engineering di Napoli) spenderà 2.073.449 euro come investimento iniziale per adeguare l’area e dovrà pagare al Comune un canone annuo di 183.150 euro più il 25% di quanto ricaverà ogni anno oltre i 400mila euro al netto dell’iva.

Fin qui, le notizie certe.

Il problema nasce però quando, sfogliando i numerosissimi allegati alla delibera di Giunta, cerchiamo di capire quanto pagheranno i cittadini per parcheggiare lì sotto.

Nel piano economico finanziario presentato dal concessionario, infatti, ci sono alcune palesi e clamorose incongruenze, che prima o poi l’Amministrazione dovrà chiarire.

La prova del “pasticcio” è nel confronto tra due stralci di questo piano.

Da pagina 10 a pagina 16, si evince chiaramente che dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 si pagherà 2 euro all’ora per le auto e 1 euro all’ora per i motocicli; che la stessa tariffa (2 euro all’ora per le auto e 1 euro all’ora per i motocicli) è valida anche per la sosta notturna dalle 20 del lunedì alle 8 del giovedì; e che, dalle 20 del venerdì alle 2 del mattino del lunedì la tariffa sale a 3 euro all’ora per le auto e 2 euro all’ora per i motocicli.

Tutto questo per i primi 10 anni di concessione, perché, a partire dall’undicesimo anno di concessione, le tariffe aumenteranno sempre di un ulteriore euro all’ora.

Se invece andiamo poi a leggere cosa c’è scritto a pagina 29 dello stesso piano, nella parte in cui si riassumono le tariffe, scopriamo che dal lunedì al giovedì per tutte le 24 ore ma anche il venerdì dalle 8 alle 20 c’è una tariffa unica giornaliera di 2 euro (cioè si paga 2 euro non all’ora ma per un’intera giornata, sia che si tratti di auto che di motocicli), mentre restano confermati i 3 euro all’ora per le auto e i 2 euro all’ora per i motocicli dalle 20 del venerdì alle 2 del lunedì ma anche per tutte le giornate festive e prefestive.

Le domande sorgono spontanee.

Prima domanda: dal lunedì al giovedì si pagano 2 euro anche per una sosta di 24 ore per qualsiasi veicolo oppure si paga 2 euro all’ora per le auto e 1 euro all’ora per i motorini?

Seconda domanda: il venerdì dalle 8 alle 20 si pagano 2 euro anche per parcheggiare qualsiasi veicolo 12 ore consecutive oppure si paga 2 euro all’ora per le auto e 1 euro all’ora per i motorini?

Terza domanda: dalle 2 alle 8 del mattino di lunedì quanto si paga?

Quarta domanda: è mai possibile che tra dirigenti, funzionari, Sindaco, sette assessori (in particolare i cinque che hanno approvato la delibera di Giunta in questione) e ben 24 consiglieri comunali, nessuno abbia letto per intero il piano economico finanziario dell’azienda in modo da far notare e correggere questo pasticcio?

Cosa ha ratificato la Giunta Figliolia? Un atto che contraddice se stesso?

Ed è valido, a norma di legge, un atto che, al proprio interno stabilisce prima una cosa e poi il suo opposto?