Tre divieti di sosta artigianali. Sono il rimedio che Francesco Riccio, storico edicolante di via Carmine, ha adottato da oggi pomeriggio per cercare di limitare i rischi per i pedoni di questa strada.

Da quando infatti, lo scorso 16 gennaio, è stato aperto il cantiere per le opere di riqualificazione della nuova villetta, nessuno ha pensato di sanzionare le auto in parcheggio proprio davanti alla recinzione che delimita l’area interessata dai lavori.

Franco Riccio nella sua edicola di via Carmine

“A causa di queste macchine  ferme sul ciglio di quello che prima era un marciapiede, ogni mattina decine di bambini che devono recarsi al plesso “Carlo Rosini” rischiano di essere investiti perché per camminare devono spostarsi quasi al centro della carreggiata – ci dice Franco – Anche durante il resto della giornata la situazione non cambia. Io lavoro qui da 41 anni, la gente protesta e io non posso e non voglio far finta di niente. Avevo avvisato anche i vigili, ma nessuno è intervenuto e ho provveduto io a modo mio…”.

Chissà  se l’obiettivo sarà raggiunto. Di certo, la “provocazione” lascerà il segno e farà riflettere nelle “stanze dei bottoni” al Municipio.