“Senza un cambio di passo, Pozzuoli rischia di scivolare in un altro periodo di stallo”. E’ una pietra tombale sulla “città gioiello” vagheggiata dal sindaco Figliolia, la sintesi di una clip di circa tre minuti prodotta dal giornale on line “L’Iniziativa-Voce Flegrea”.

Già circa 2000, da ieri sera, le visualizzazioni “social” di un filmato che denuncia, con rapidi ma impietosi flash, lo stato dell’arte nel “capoluogo” flegreo.

Un messaggio chiaro, diretto e di grande impatto mediatico quello lanciato, senza ombra di dubbio, anzitutto al Capo dell’Amministrazione su ciò che non è stato fatto, o ciò che è stato fatto finora male e che impedisce al nostro territorio di spiccare quel salto di qualità che gli spetterebbe di diritto per le sue bellezze storiche, paesaggistiche e naturali.

L’elenco delle criticità assomiglia ad un “atto d’accusa” senza appello: lavori pubblici costati l’iradiddio e che hanno finora deluso le aspettative, rione Terra cantiere eterno ancora privo di gestione e con un percorso archeologico poco valorizzato, balneabilità da “oggi le comiche” per il mare e scarichi  che continuano ad inquinarlo nonostante vi siano  i fondi per rifare le fogne, una bretella di collegamento tra Tangenziale ed ex Sofer che sbuca nel nulla senza una riqualificazione del Waterfront, un turismo mai decollato ed una promozione territoriale scadente.

IL VIDEO DE L’INIZIATIVA-VOCE FLEGREA

Fatti che, parafrasando proprio Figliolia, sono “sotto gli occhi di tutti” e che necessitano di spiegazioni.

Ma, soprattutto, di un’inversione di rotta.

Saprà, la politica locale, a cominciare dal suo “lider maximo”, cogliere il lato positivo di questa vera e propria requisitoria  per non essere ricordata dai posteri come una classe dirigente venditrice di fumo?

Commenti