Tre ori. un argento, due bronzi e due atleti titolari in nazionale. E’ l’eccezionale bilancio della “Popeye” Pozzuoli ai campionati italiani di Kickboxing, disputatisi da giovedì a domenica scorsa a Rimini.

I ragazzi del sodalizio presieduto da Franco Cacciapuoti (allenati da Nicola Varchetta e accompagnati da Emanuele Tafuto e Ciro Bisci) hanno infatti letteralmente sbriciolato la concorrenza di 1250 atleti provenienti da tutte le regioni della penisola.

Sul gradino più alto del podio sono saliti Giuseppe Causa e Michelangelo Testa nella sezione maschile (conquistando il diritto a partecipare, con la Nazionale, agli Europei Wako Cadetti e Juniores in programma in Ungheria dal 23 agosto al 1°settembre) e Michela Baldino nel “trofeo Italia” riservato alle donne.

Argento invece per Gennaro D’Isanto (promosso nella seconda squadra nazionale) e bronzo per Gennaro Di Costanzo e Francesco Lucignano.

Un plauso anche a chi si è fermato ad un passo dalla zona medaglie: Pasquale Finelli, Mattia Brontolone, Giovanni Matino, Pasquale Clarelli, Marika Causa e Federica Varchetta.

Nicola Varchetta, coach della “Popeye” Pozzuoli con i ragazzi che hanno sbancato Rimini

Di questi giovani, la nostra città deve essere orgogliosa: non solo per i risultati ottenuti ma soprattutto per i grandi sacrifici che, insieme con le loro famiglie, si compiono per arrivare a certi traguardi, specie in un contesto come il nostro, molto complicato a livello di infrastrutture per praticare attività sportiva.

Commenti