Un tentativo di truffa particolarmente odioso non solo perché vede come vittime gli anziani ma anche per il rischio di spaventarli a morte.

Sta accadendo in città da qualche giorno, complice la preoccupazione di tantissimi puteolani per la ripresa del fenomeno bradisismico e le notizie non sempre rassicuranti provenienti dal mondo scientifico.

A raccontare l’accaduto è una donna residente a Monterusciello, che, cinque giorni fa, ha pubblicato un post sul gruppo Facebook Sei di Pozzuoli se…”.

(…) Verso le 18, mia mamma ha ricevuto una telefonata da una persona che si spacciava per carabiniere, allertandola di preparare subito una borsa con effetti personali, perché in caso di emergenza bradisismo sarebbe passato un furgone con sirena e tutti sarebbero dovuti scappare dalle proprie abitazioni. Mia mamma, di 80 anni, è andata nel panico. Fortunatamente c’era mio fratello a farle visita e subito ha chiamato i carabinieri della zona, i quali hanno smentito il tutto. Vedete come si beffano di poveri anziani che vivono da soli . Ma in che mondo viviamo? Se avete genitori anziani, avvertiteli della truffa (…).

Chiaro l’intento di questi sciacalli.

Facendo leva sul panico, convincere i malcapitati dell’esistenza di un’evacuazione in corso lasciandosi consegnare le borse con gli effetti personali con la speranza  di trovare soldi e gioielli all’interno.

Nel commentare l’episodio sul social, un’altra donna ha confermato che la stessa cosa è capitata anche a sua madre, “salvata” da una provvidenziale telefonata in tempo reale, da parte del nipote, ai veri carabinieri.

Raccomandiamo dunque di prestare la massima attenzione a qualsiasi estraneo e di cercare sempre conferme ufficiali a quanto vi viene improvvisamente comunicato.

E se qualcosa non vi convince,  non esitate a telefonare al 112 o al 113 oppure a chiedere aiuto a persone di cui potete fidarvi ciecamente.