(foto di repertorio)

Non tutte le ciambelle riescono col buco. Lo sanno bene i due malcapitati banditi che ieri sera, pistola in pugno e volto coperto, hanno tentato di assaltare una pizzeria di Monterusciello.

E’ accaduto in via Verga, dove la coppia di malviventi ha tentato di sottrarre l’incasso della giornata ai titolari dell’attività di ristorazione a conduzione familiare.

I proprietari del locale però si sono accorti che l’arma puntata addosso era un giocattolo e hanno reagito con inaudita violenza.

Prima calci, pugni e schiaffi agli aspiranti rapinatori e poi sprangate a volontà con un palo di ferro nel corso di un inseguimento a piedi che si è protratto fino alle scale che conducono alla sottostante via Capuana.

(foto di repertorio)

“Li hanno sfondati di mazzate: a uno hanno spezzato le gambe, all’altro hanno spaccato la testa”, commentano nel quartiere.

Altro non si sa.

Se, tuttavia, come si vocifera, nessuno ha denunciato l’episodio, è probabile che i due siano riusciti a farsi anche curare in un ospedale inventando una scusa e dribblando la giustizia.

Staremo a vedere.

Commenti