Oggi pomeriggio, i vigili urbani hanno rimosso tutte le transenne che indicavano (ma purtroppo non impedivano) il divieto di accesso sul lungomare di via Napoli.

Un provvedimento che era nell’aria ed è stato caldeggiato da numerosi cittadini, vista la scadenza dell’ordinanza numero 21 con cui De Luca prorogava solo fino al 5 aprile la chiusura di tutte queste “passeggiate” sull’intero territorio regionale.

L’Amministrazione Figliolia è intervenuta con “comodo” in entrambe le occasioni: sia nell’interdire la zona soltanto oltre  24 ore dopo  (nel pomeriggio del 12 marzo) la  prima  decisione in tal senso del Governatore (che entrava in vigore l’11 marzo) sia nel restituirne la fruizione ai cittadini, cosa che sarebbe dovuta avvenire già da martedì scorso.

Immediato ovviamente il ritorno allo “struscio” sulla “loppa” che adesso, in previsione del fine settimana e del clima favorevole, dovrà essere controllato per evitare pericolosi assembramenti (specie da parte di chi si ostina a non indossare la mascherina) che potrebbero determinare ulteriori inevitabili restrizioni.

Intanto, sul fronte dei contagi, anche oggi Pozzuoli purtroppo non si smentisce.

Ne sono stati infatti registrati altri 28 nelle ultime 24 ore (su 291 tamponi complessivi analizzati), cifra che fa salire  a 4.749 il numero dei nostri concittadini positivi al tampone Covid dal 1°marzo 2020.

I positivi attuali sono 557 (4 ricoverati e 553 in isolamento domiciliare), mentre  4.140 sono i guariti definitivi (19 in più rispetto a ieri).

Le vittime invece sono 52, diciotto delle quali negli ultimi tre mesi.

In nuovo incremento rispetto a ieri  la percentuale di contagiati sui tamponi effettuati (9,62%), inferiore (-8,55%) alla percentuale dell’intera regione Campania, che nelle ultime 24 ore si è attestata mediamente al 10,52% (2.225 tamponi positivi su 21.149 tamponi totali).