Alcuni lo sapevano, altri lo immaginavano, ma ora c’è la prova documentale.

Nell’eterna attesa della sua consegna alla città e di sapere il Comune cosa ne voglia fare, il rione Terra è diventato una dimora per i senzatetto.

Inequivocabili le foto scattate ieri (e gentilmente concesse) dall’architetto Domenico Grande.

Clochard “residente” sul rione Terra

Dai ballatoi di una palazzina della rocca millenaria, in via Cavour, a pochissima distanza da piazza 2 marzo 1970 e dalla rampa Salita Portanova, fanno capolino alcune persone senza fissa dimora (presumibilmente di nazionalità straniera) che hanno di fatto occupato quell’edificio e ci vivono più o meno stabilmente.

Il post dell’architetto Grande su Facebook

Lo stesso autore di queste immagini, mercoledì della scorsa settimana, aveva pubblicato sulla propria pagina Fb una riflessione in proposito.

L’ex “Vittorio Emanuele”

La domanda è maliziosa ma pertinente: visto che, per liberare l’ex scuola “Vittorio Emanuele” dalla presenza di una famiglia di occupanti abusivi e consentire l’avvio dei lavori Piu Europa, il Comune ha pagato (con scrittura privata e annesse delibera di Giunta più determina dirigenziale) a questo nucleo familiare la “bellezza” di 8.400 euro e, visto che, nonostante le giustificazioni del sindaco Figliolia, si è creato un clamoroso precedente in materia, come si comporterà il Municipio con questi clochard nel momento in cui l’Ente dovrà utilizzare l’edificio?

Li manderà via con la forza pubblica o darà loro una buonuscita come accaduto al “Vittorio Emanuele”?

Coerenza amministrativa esigerebbe che non si facessero discriminazioni tra senzatetto.

Se c’è chi ha preso soldi dal Comune  per mollare un bene di interesse pubblico occupato abusivamente, non si comprende per quale motivo altri occupanti abusivi di altri immobili di interesse pubblico non debbano essere foraggiati alla stessa maniera con i denari della collettività.

Ovviamente, il ragionamento è soltanto una provocazione a rigor di logica.

Per dimostrare che chi entra in casa d’altri va sanzionato secondo la legge, non “premiato” a spese di tutti gli altri.

Ma che, se scatta il “premio”, allora va dato a tutti quelli che sbagliano in egual modo e misura.

Pertanto, dopo quanto accaduto al “Vittorio Emanuele”, nessuno tocchi i senzatetto del rione Terra.

Si sono meritati sul “campo” la buonuscita come i loro “colleghi” di Arco Felice e ora vanno pagati come se avessero acquisito un diritto…

Commenti