Non dev’essere piaciuto per niente al sindaco Enzo Figliolia ciò che ha visto ieri sera passeggiando per le strade e nei locali di Pozzuoli.

E lo si è capito dalla reprimenda che lo stesso Primo Cittadino, prima di andare a nanna, ha fatto sulla sua pagina Facebook per esortare ancora una volta tutti al distanziamento sociale come prima misura di prevenzione antiCovid.

Il post non ha bisogno di interpretazioni, il messaggio è forte e chiaro: siamo quasi in centomila, è impossibile controllare tutti e allora occorre il buon senso di ciascuno di noi altrimenti andremo incontro ad un nuovo periodo di “chiusure”, che non farebbero bene a nessuno.

Un appello che però non ha riscosso il livello di consensi che forse il Capo dell’Amministrazione si aspettava.

Per la maggior parte dei suoi commentatori, infatti, i primi colpevoli di questo “rilassamento” sarebbero proprio le istituzioni, a cominciare proprio da quelle municipali, ossia i vigili urbani, ai quali la gente imputa un’eccessiva attenzione alle infrazioni al codice stradale  ed uno scarso interesse sulle continue violazioni delle norme da rispettare per evitare il diffondersi del contagio.

E’ così? Magari la verità sta nel mezzo.

Probabilmente, in termini di precauzioni e di controlli, vedendo scendere il numero di “positivi” e riconquistata finalmente ogni libertà di movimento,  abbiamo mollato un po’ tutti la presa senza essere certi di potercelo permettere…