Ricevo e pubblico

Salviamo la Puteolana!!! Non è una semplice squadra, infatti, e non è retorica, questa squadra rappresenta un popolo,una collettività che da sempre ha subito circostanze avverse. Ci siamo fatti rubare nel corso del tempo tanti piccoli pezzi del nostro cuore, ci hanno scippato il rione Terra, in compenso ci hanno elemosinato case di cartone in dei quartieri senza punti aggregativi dove stare insieme. Hanno speculato sul lavoro, sono stati capaci di far fallire complessi industriali importanti, relegando il puteolano medio in mezzo a una strada. Inoltre mai le istituzioni si sono impegnate per preservare e regalare qualche soddisfazione ai puteolani, i pochi eventi organizzati sono stati destinati ad una ristretta elitè, i lavori poi addirittura concessi a ”furetan” (n.b: forestieri). Una delle poche cose che ci rimangono, che appartengono al nostro patrimonio etico-culturale, è la Puteolana 1902 che da 112 anni vive una storia simbiotica con il popolo puteolano,è un elemento che appartiene alla nostra storia,un po’ del nostro dna di comunità, e per questo non deve morire. Faccio un appello accorato ai tanti imprenditori puteolani,che bene o male speculano sul territorio, ricavando dalle sue bellezze agio e ricchezza: fatevi avanti e in cordata aiutate questa società a sopravvivere. Non vi chiedo di rilevare il titolo, ma di dispensare tutti piccole somme per preservare una cosa “nostra”.

Raffaele Figlioli

 ***

La Puteolana 1902 che rappresenta la storia del calcio Italiano, Campano e Cittadino non deve morire. La città di Pozzuoli non merita questo trattamento. Lanciamo un appello a tutte le forze politiche ed imprenditoriali della Città di Pozzuoli affinchè aiutino fattivamente la società granata. L’eventuale scomparsa della Puteolana rappresenterebbe una vera e propria sconfitta per l’intera città, una mortificazione senza eguali. Siamo convinti che le forze sane della città non si tirino indietro, onorando anche tutti gli illustri cittadini che negli anni addietro hanno fatto della Puteolana un caposaldo della cittadina di Pozzuoli.

I tifosi

 

 

(le foto sono di Nando Panico)