Angelo Di Costanzo al San Gregorio Roma

A Pozzuoli, terra di eccellenze nell’enogastronomia, non poteva mancare anche un’eminenza nel campo della conoscenza e della degustazione dei vini.

Ed è sicuramente una buona notizia l’ingresso di Angelo Di Costanzo nell’ASPI, l’Associazione della Sommellerie Professionale Italiana.

Un ritorno in campo in ambito associativo quello del 44enne puteolano già protagonista di lungo corso del mondo del vino (è stato eletto Miglior Sommelier della Campania nel 2008 e Sommelier Italiano dell’anno per la Guida L’Espresso 2014), impegnato dal 2015 nel board direzionale di Food&Beverage di San Gregorio Ristorazione, società del Gruppo Feudi di San Gregorio di Sorbo Serpico.

“Era forte il desiderio di contribuire con la mia esperienza al lavoro di aggregazione, divulgazione e formazione professionale avviato da alcuni anni in Campania da ASPI, l’Associazione della Sommellerie Professionale Italiana’’, ci dice Angelo (nella foto) per spiegare l’adesione  all’unica associazione italiana riconosciuta dall’ASI (Association de la Sommellerie Internationale) e punto di riferimento in Italia della più alta espressione della Sommellerie contemporanea, presieduta dal Campione del mondo Giuseppe Vaccarini e guidata in regione dal vicepresidente nazionale Ciro Laringe e da Giuliano Mallardo alla Direzione dei Corsi, che hanno accolto con grande apprezzamento la notizia.

“E’ necessario, oggi più che mai, rafforzare la figura di Alta professionalità che ogni Sommelier deve saper rappresentare nel mondo del vino, dove si è costantemente alla ricerca di donne e uomini preparati, specializzati e capaci di fare la differenza con il proprio talento e lavoro’’, ci tiene a precisare Angelo.

“Proveremo a farlo con grande slancio, sostenendo i Corsi Propedeutici affiancandovi alcuni appuntamenti di particolare levatura didattica e con degli approfondimenti tematici che avvicinino sempre di più i Professionisti, ma anche gli appassionati, alle straordinarie suggestioni che sono capaci di regalare i meravigliosi territori, le aziende e i grandi vini del nostro paese, e non solo!’’.

(fonte: comunicato stampa)

Commenti