E’ stata una mattinata di tensione quella di oggi per molti cittadini residenti nella zona alta di Pozzuoli.

Il bradisismo infatti oggi ha dato un’altra prova della sua presenza costante (CLICCA QUI PER LEGGERE IL BOLETTINO SETTIMANALE DI OGGI), con uno sciame sismico che ha interessato il “capoluogo” dalle 10.23 alle 13.40 (otto scosse superficiali, la più forte di magnitudo 1.2 alle 12.29) e tanta gente contemporaneamente intrappolata nel traffico di via Solfatara, a partire da oggi interessata dall’ennesimo step di lavori di ripavimentazione della strada.

Il pensiero di tutti è andato verso lo stesso interrogativo: cosa sarebbe potuto accadere in caso di fuga o di terremoto da panico con una parte di Pozzuoli completamente paralizzata da un cantiere?

Per fortuna, non è successo nulla di grave.

E allora prendiamoci il buono da questo caos: laddove dovessimo scappare, almeno troveremo una strada riasfaltata…