Il treno della Cumana fermo alla stazione del Dazio con il motore in panne

Mattinata da incubo per i passeggeri della Cumana.

La linea ferroviaria è stata infatti bloccata per due ore a causa di un’avaria al motore di un treno partito dalla stazione di Gerolomini e diretto a Montesanto.

Il guasto è avvenuto alla fermata del Dazio, intorno alle 10.10.

“Da lì non siamo più ripartiti –  ci racconta Giovanni G., un passeggero del convoglio – In verità già da prima sentivamo una puzza di bruciato. Il macchinista le ha tentate tutte ma il risultato erano soltanto degli scossoni. Così ci hanno fatti scendere ed è cominciato il nostro calvario. Il personale Eav allargava le braccia dicendo che non era possibile far niente perché il motore si era bruciato e non c’erano navette di sostituzione, abbiamo chiamato perfino la polizia per avvisare del disagio visto che eravamo praticamente prigionieri lì. Nel frattempo sono stati bloccati anche i treni provenienti da Montesanto e ci è stato detto che si era rotto anche il rimorchio che doveva arrivare da Fuorigrotta per rimuovere quel convoglio. Solo dopo un’ora, grazie al lavoro di alcuni tecnici intervenuti sul posto, si è potuto far ripartire il treno e portarlo a Fuorigrotta, dove siamo arrivati alle 12.10. Ma abbiamo dovuto attendere altri tre quarti d’ora per poter prendere un altro treno. Non vi dico le facce e le lamentele di alcuni turisti stranieri che hanno dovuto sopportare questo disagio. Ho provato rabbia e vergogna: spendere due euro e venti per prendere un mezzo senz’aria condizionata e perdere mezza giornata così, è assurdo. E ci è andata pure bene: immaginate se una cosa del genere fosse accaduta in galleria e non in stazione…”.