La protesta corre sul filo della “rete” ed è appena partita con una petizione on line per rendere gratuito il parcheggio dei residenti puteolani su tutte le strisce blu disegnate nel territorio cittadino.

La schermata ed il testo della petizione on lineIn sostanza, la raccolta di firme (CLICCA QUI PER LEGGERE E FIRMARE LA PETIZIONEserve ad abolire (oppure a modificare sostanzialmente) la delibera di Giunta numero 86 del 2 luglio dell’anno scorso (ma pubblicata “misteriosamente” soltanto quasi tre mesi dopo, il 23 settembre 2014) con cui l’Amministrazione Figliolia ha approvato il nuovo piano che disciplina la sosta.

Piano che, dopo la tracciatura delle strisce blu e bianche un pò dovunque (anche dove il Codice della Strada lo vieterebbe espressamente!) entrerà nel vivo dal 1°luglio prossimo, quando tutti coloro che abitano o lavorano nella Ztl1 (centro storico) saranno i primi a doversi munire degli abbonamenti annuali per parcheggiare nelle strisce blu o nelle strisce bianche della propria zona a traffico limitato di residenza.

Il manifesto con cui il sindaco Figliolia annuncia l'entrata in vigore degli abbonamenti per la sosta nelle strisce blu all'interno della Ztl1 a partire dal 1°luglio
Il manifesto con cui il sindaco Figliolia annuncia l’entrata in vigore degli abbonamenti per la sosta nelle strisce blu all’interno della Ztl1 a partire dal 1°luglio

Il tutto pagando un contrassegno annuale che costerà 80 euro per i residenti (un tagliando per famiglia), 150 euro per i titolari di attività commerciali (un tagliando per negozio) e 200 euro per i domiciliati.

Nel testo della petizione on line si chiede invece il rilascio di contrassegni a titolo gratuito per la sosta negli stalli su sede stradale ZPRU e ZTL del Comune di Pozzuoli”, sottolineando che parcheggiare è un Diritto dei residenti e l’imposizione di un pagamento rappresenta un ulteriore aggravio economico per i residenti delle zone ZPRU e ZTL che si aggiungono alle altre imposte comunali (IMU, Tasi, Tari, etc.…). Si chiede, pertanto, che il Comune di Pozzuoli provveda all’istituzione, lungo le strade e nell’ambito delle aree interne alla Z.P.R.U. di un numero congruo gli stalli di sosta “libere riservate ai residenti” (poiché l’attuale numero di stalli è assolutamente iniquo ed inadeguato alle esigenze della popolazione, poiché, non si è tenuto in debita considerazione, il numero effettivo di famiglie residenti nelle aree adiacenti ad ogni strada con attuale segnaletica stradale e relativa cartellonistica a striscia blu)”.

Vedremo che tipo di riscontro avrà questa petizione e se, una volta protocollata al Municipio, riuscirà ad essere discussa in Consiglio Comunale.

Ricordiamo che l’articolo 33 dello statuto municipale puteolano, nella parte in cui riconosce  l’istituto della petizione popolare come una delle forme di partecipazione degli elettori al governo della città,  stabilisce testualmente che: “chiunque, anche se non residente nel territorio comunale, può rivolgersi in forma collettiva agli organi dell’amministrazione per sollecitarne l’intervento su questioni di interesse comune o per esporre esigenze di natura collettiva; la raccolta di adesioni può avvenire senza formalità di sorta in calce al testo comprendente le richieste rivolte all’amministrazione; se la petizione è sottoscritta da almeno cinquecento elettori, un quinto dei consiglieri comunali può chiedere, con apposita istanza al presidente del consiglio, che il testo della petizione sia posto in discussione nella prima seduta utile del consiglio comunale”.

In questo caso, ai sensi dell’articolo 39 comma 2 del Testo Unico degli Enti Locali, è previsto che  “il presidente del consiglio comunale (…) è tenuto a riunire il consiglio in un termine non superiore ai venti giorni, quando lo richiedano un quinto dei consiglieri, o il sindaco (…) inserendo all’ordine del giorno le questioni richieste”.

I cinque consiglieri che hanno chiesto il dibattito in aula su parcheggi e viabilità
I cinque consiglieri che hanno chiesto il dibattito in aula su parcheggi e viabilità. Da sinistra: Bifulco, Pollice, Di Bonito, Tozzi e Orsi

Nel frattempo, dopo essere andato deserto il 25 maggio per mancanza del numero legale, si attende ancora che venga riconvocato il consiglio comunale nuovamente richiesto da cinque esponenti di maggioranza (Paolo Tozzi, Tommaso Pollice, Antonio Di Bonito, Enzo Bifulco e Maurizio Orsi) proprio su parcheggi e viabilità.