Nessuna contestazione, nessuna voce di dissenso, nessuna richiesta di chiarimenti.

Un sonno letargico sta attraversando l’intero Consiglio Comunale sui 300mila euro di denaro pubblico che l’Amministrazione sta per buttare dalla finestra, in tutto o in parte.

Soldi che, come abbiamo già denunciato in un articolo di due settimane fa (CLICCA QUI PER LEGGERLO) dovranno servire per  effettuare lavori di “manutenzione straordinaria” in tre mercati in cui sono stati recentemente spesi ben 4 milioni di euro.

Tre le determine dirigenziali che nessun politico di Pozzuoli ha avuto finora la  voglia o il coraggio di monitorare o inviare alla Procura della Corte dei Conti per i provvedimenti del caso.

Con la determina 2505 del 30 dicembre si stabilisce una spesa di 99.700 euro nel mercato ittico al dettaglio per griglie e chiusini in frantumi, marmi rotti, una serranda non funzionante, cancelli di ingresso in ferro completamente corrosi, adeguamenti igienico-sanitari dei bagni, installazione di un impianto di ventilazione, ampliamento e potenziamento dell’impianto elettrico, oltre a rappezzi esterni al manto stradale.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA DETERMINA 2505

Con la determina 2506 del 30 dicembre  si stanziano invece 99.850 euro nel mercato ortofrutticolo al dettaglio per il rifacimento della pavimentazione in resina (per il suo esiguo spessore), il rifacimento di tubi di scarico che non permettono il regolare deflusso dell’acqua perché di diametro troppo piccolo, il rifacimento di cancelli di ingresso quasi totalmente corrosi e non funzionanti a dovere, l’installazione anche qui dell’impianto di ventilazione per non svenire dal caldo in estate, rifacimento di griglie e chiusini, ampliamento e potenziamento dell’impianto elettrico.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA DETERMINA 2506

Infine, con la determina 2507, si decide di spendere 99.800 euro per lavori di manutenzione al mercato ortofrutticolo all’ingrosso di viale dell’Europa Unita, in quanto alcuni box presentano problemi di infiltrazione di acqua piovana dai finestroni, sulla pavimentazione in resina scrostata e per pitturare tutte le pareti degli stand.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA DETERMINA 2507

Ricordiamo a tal proposito, che:

– il mercatino al dettaglio ittico e ortofrutticolo di via Fasano è stato riaperto poco meno di due anni fa dopo un intervento di sostanziale ricostruzione (lavori “abusivi”, secondo l’architetto Domenico Grande) costato 1.241.701,92 euro (quasi il quadruplo dell’importo iniziale) e molti dei problemi che ora si vogliono risolvere con una spesa ulteriore di 200mila euro si sono riscontrati fin da subito (basta chiedere ai venditori o leggere gli articoli di Pozzuoli21 in merito);

il mercato ortofrutticolo all’ingrosso, in cui devono essere spesi altri 100mila euro, è stato inaugurato 16 mesi fa in seguito a lavori di adeguamento e riqualificazione da 2 milioni e 850 mila euro, finanziati con fondi PIU Europa.

Una veduta panoramica dell'aula consiliare
Una veduta panoramica dell’aula consiliare

Cari consiglieri comunali, di maggioranza (e, soprattutto, di opposizione), vi volete svegliare per pretendere che il denaro dei vostri elettori non sia bruciato in questo modo?

Volete o no esigere che sia stabilito, per quali e quanti di questi lavori, il conto vada chiesto non alla collettività ma a chi li ha già progettati, diretti ed eseguiti nei tre mercati?

In caso contrario, ci spiegate qual è il vostro ruolo in Municipio e per quale motivo dovremmo votarvi nuovamente in primavera?

Commenti