Nemmeno con soli 200 posti a sedere per garantire il distanziamento antiCovid, i rappresentanti istituzionali rinunciano ad avere la prima fila assicurata.

E’ questo il senso dell’accusa lanciata dal consigliere comunale Raffaele Postiglione a chi ha organizzato i due spettacoli teatrali (in programma ieri e oggi al rione Terra) del “Pozzuoli Verba Ridens”, eventi entrambi gratuiti per tutti e regalati al Municipio dalla “Scabec”, la società regionale in house che si occupa di valorizzare e promuovere i beni culturali campani.

Con un post pubblicato nel tardo pomeriggio sul proprio profilo Facebook, infatti, l’esponente di opposizione fa sapere alla città di aver rinunciato ai due ingressi riservatigli dall’Amministrazione in quanto ritiene ingiusto che un terzo della platea disponibile debba essere occupato dai politici a scapito dei “comuni mortali” che hanno dovuto fare la corsa per sperare di trovare un posto libero prenotando on line il tagliando.

Critica che si aggiunge a quella, avanzata 24 ore prima, su altre scelte fatte dal Comune in merito agli spettacoli estivi.

A replicare è l’assessore al ramo Stefania De Fraia (nella foto): “Mi preme innanzitutto chiarire  che, a parte questi due spettacoli di ieri e oggi, per i quali non era previsto il pagamento di un biglietto di ingresso, non avremo altri eventi con posti riservati. Mi è sembrato doveroso un gesto di cortesia nei confronti dei rappresentanti istituzionali del Comune visto che l’evento in questione è alla prima edizione e le prossime non prevederanno alcun tipo di omaggio. Così come mi è apparso giusto riservare altri ingressi alla società che ha regalato lo spettacolo al Municipio. In tutto si tratta di poco meno di 50 posti riservati, di cui 35 ad evento per sindaco, assessori e consiglieri, che potevano scegliere, con un accompagnatore, se presenziare alla prima o alla seconda serata. La cosa negativa da sottolineare – conclude l’assessore – è piuttosto un’altra, e cioè che con un evento gratuito ieri non tutti i posti prenotati on line erano occupati. A riprova che, contrariamente a quanto mi si contesta, anche comprare un biglietto a prezzo irrisorio rappresenta un impegno alla presenza per qualsiasi spettatore”.

Per la cronaca, nella foto seguente, vi proponiamo il testo della mail recapitata dal portavoce del Sindaco a ai consiglieri per i due spettacoli in questione.

Dal suo contenuto, effettivamente, si capisce che ogni politico avrebbe potuto partecipare ad entrambi gli eventi, insieme ad un’altra persona.

Delle due l’una, dunque: o c’è stato un difetto di comunicazione tutto interno all’Amministrazione o l’assessore De Fraia ha deciso di spalmare gli inviti su due serate solo successivamente a questa mail.