“Ancora una volta ci troviamo davanti al pressappochismo di un’amministrazione che ha deciso di governare alla giornata una città di oltre ottanta mila abitanti”.

È questa la reazione dei movimenti civici “Noi Re(si)stiamo Qui”, “DiversaMenteGiovani” e “GenerAzione Flegrea”, dopo l’ultima partecipazione del Comune di Pozzuoli al bando indetto dalla Regione Campania “Eventi di rilevanza nazionale ed internazionale ed Iniziative promozionali sul territorio regionale”.

Si tratta di un’ulteriore palese dimostrazione di quanto non sia stato fatto nulla in termini di programmazione di eventi in questa città.

Difatti, dopo che gran parte dell’estate è già trascorsa senza alcuna iniziativa organizzata dal Comune, ad oggi, 19 luglio, non si conosce nessun programma di eventuali manifestazioni artistiche, concerti, feste di piazza che ci saranno per le poche settimane estive che restano.

Il sindaco Figliolia
Il sindaco Figliolia

Con lo stesso spirito di pressappochismo l’amministrazione guidata da Vincenzo Figliolia ha partecipato al bando regionale, come riportato dal blog di informazione Pozzuoli21.

Il progetto approvato, con delibera di Giunta n. 78 del 7 luglio 2016, e presentato, risulta essere un sproloquio di belle parole ma inarticolato.

Alla voce “Palinsesto e programma dettagliato”, infatti, non c’è nulla che possa essere realmente definito tale.

Chi legge, quindi, non è tenuto a sapere quale sarà il programma degli eventi per i quali il Comune ha previsto di spendere ben 100.000 euro di fondi regionali e 40.000 euro dalle casse comunali.

Il frontespizio della delibera di Giunta con cui si chiedono 100mila euro alla Regione per gli spettacoli
Il frontespizio della delibera di Giunta con cui si chiedono 100mila euro alla Regione per gli spettacoli

Si conoscono solo ed esclusivamente le date.

Stessa cosa per la voce “Cast Artistico”, dove tante parole possono essere riassunte con un ”poi si vedrà”.

Com’è possibile che l’amministrazione Figliolia chieda oltre 60.000 euro  senza nemmeno sapere a chi darli?

Altra nota curiosa riguarda la direzione artistica per la quale nel prospetto di spesa sono stati inseriti 3.000 euro.

Antimo Civero
Antimo Civero

Il comune di Pozzuoli si avvale da dicembre 2015 della consulenza come direttore artistico di Antimo Civero e lo stesso è indicato anche all’interno del progetto presentato.

Una collaborazione che lo stesso sindaco Figliolia ha più volte sbandierato per il suo carattere assolutamente gratuito e che ora, se dovesse andare in porto l’operazione, invece andrà a gravare sulle spalle di tutti.

Ormai è il quarto anno consecutivo di questa amministrazione che siamo abituati a vedere la nostra città in estate senza nemmeno un evento. In questo caso la domanda opportuna – si legge da una nota dei movimenti civici – è quella di chiedere al comune di Pozzuoli cosa sta proponendo alla regione Campania. Nel programma contenuto nella delibera, infatti, ci sono solo delle date di eventi e dei luoghi, per altro approssimativi. È giusto che un ente pubblico chieda i soldi senza nemmeno dire come ha intenzione di spenderli?”.

Dubbi, poi, anche sull’organizzazione di tutti i fantomatici eventi previsti: sarà direttamente il Comune di Pozzuoli ad organizzare questi eventi?

Oppure, come nel caso del capodanno in piazza, sarà qualche privato a gestire questi soldi pubblici?

Ad oggi, pubblicamente, non è dato sapere queste notizie.

Nel caso ci dovessero essere questi “organizzatori esterni” come verranno scelti?

Con la stessa metodologia per la quale si è scelto di affidare il percorso archeologico del Rione Terra: la cooptazione diretta?

Ultima valutazione riguarda la finalità turistica di quest’operazione che non può essere garantita con queste proposte “last-minute”.

Una città che vuole fare del suo motore di sviluppo il turismo può mai vivere senza uno straccio di programmazione per la stagione estiva?

(fonte: comunicato stampa delle associazioni  DiversaMenteGiovani, GenerAzione Flegrea, Noi Re(si)stiamo Qui)

Commenti