Dopo quelli per Licola e Arco Felice-Lucrino (in scadenza a mezzogiorno di oggi), sono stati pubblicati dal Comune anche i bandi per poter gestire le spiagge libere di via Napoli durante questa estate.

Le porzioni di litorale sono due: una dal Dazio ai Gerolomini (dove sarà possibile impiantare pedane su tre scogliere, con preferenza specifica per le attività commerciali pertinenziali che hanno a disposizione aree di sosta: il bando scade dopodomani alle 12 CLICCA QUI PER LEGGERLO) e l’altra sul lungomare “Pertini” (bando in scadenza alle 12 del 7 luglio: CLICCA QUI PER LEGGERE L’AVVISO PUBBLICO SUI LOTTI 2 E 3 DEL LUNGOMARE), dove sarà possibile occupare soltanto i due lotti non ancora assegnati dal Comune e dove metà di queste aree sarà attrezzata (e dunque con obbligo di noleggio di lettini e ombrelloni) e metà libera (con la sola possibilità di noleggio delle attrezzature).

Nella determina dirigenziale con cui viene presentato quest’ultimo bando, si ribadiscono gli obblighi, per i concessionari dei lotti già assegnati (1 e 4) di creare, fino al 15 ottobre, almeno una spiaggia libera attrezzata nelle aree in cui gestiscono la concessione.

Dunque sia la “Montenuovo” della famiglia Cutolo per il lotto 4 sia la società “La Colomba” per il lotto 1 (per la cui assegnazione esiste ancora un contenzioso davanti alla giustizia amministrativa) dovranno allestire questi impianti.

Una imposizione che tuttavia, alla luce dei fatti, si rivela all’acqua di rose, visto che il regolamento comunale sulla gestione del demanio marittimo non impone all’Amministrazione di far decadere la concessione a chi non la utilizza.

Dunque, il Comune resterà succube della volontà, da parte di questi imprenditori, di rischiare il proprio capitale nella difficile estate post-Covid  in cui è necessario assicurare, anche sulle spiagge, il distanziamento tra bagnanti.

Intanto, sul piano politico, l’opposizione continua ad attaccare ad alzo zero Giunta e maggioranza per la scelta di affidare ai privati la gestione delle spiagge libere.

Sono volate parole grosse nella seduta del parlamentino civico svoltasi l’altro ieri.

Di seguito pubblichiamo il durissimo intervento del consigliere Raffaele Postiglione.