L'assessore Gerundo durante il suo intervento di ieri in Consiglio Comunale

La gratuità delle spiagge libere è garantita al 50%. E’ quanto si presume che accadrà a Pozzuoli dal momento in cui diventerà esecutiva la delibera di Giunta (non ancora pubblicata all’Albo Pretorio) con cui l’Amministrazione ha deciso di organizzare la gestione degli arenili non in concessione per garantire il rispetto delle misure anticontagio decise dalla Regione.

La frase non è dell’opposizione ma dell’assessore  Roberto Gerundo, che, nel Consiglio Comunale di ieri, ha spiegato il suo piano per fronteggiare l’emergenza balneare post-Covid di questa estate.

E’ dunque proprio il delegato del sindaco Figliolia alla risoluzione di questa problematica ad ammettere che, sostanzialmente, sui tratti di spiaggia libera che saranno gestiti dai privati nei prossimi tre mesi, saremo in qualche modo obbligati ad usufruire di alcuni servizi a pagamento.

A dire il vero, durante il suo lungo intervento l’assessore Gerundo ha anche lasciato intendere che la fruizione di servizi a pagamento è soltanto una possibilità, ma poi non ha dato adito a dubbi la sua conclusione sulla garanzia del solo 50% di gratuità sulle spiagge libere, spiegando anche perché sarebbe giusto mettere mano alla tasca.

Concetto che è stato ripreso e duramente contestato oggi da sei consiglieri di minoranza (dopo un lungo dibattito in aula con i loro colleghi di maggioranza) e che il sindaco Figliolia ha apertamente contestato invitando i suoi avversari a leggersi le carte (che però non sono ancora ufficialmente disponibili) e diffidando chiunque dall’affermare che le spiagge libere non resteranno gratuite, facendo arrabbiare non poco due esponenti della stessa minoranza, Antonio Caso e Raffaele Postiglione, che stasera su Facebook hanno contestato al Sindaco proprio il contenuto dell’intervento dell’assessore Gerundo. 

Ovviamente, per capire cosa accadrà, dovremo aspettare la pubblicazione ufficiale dell’atto di Giunta.

E non è da escludere che vi  troveremo delle sorprese, visto che l’assessore Gerundo ha certificato il concetto di gratuità al 50% delle spiagge libere di Pozzuoli ma il Capo dell’Amministrazione sostanzialmente lo smentisce.

Vuoi vedere che, sotto sotto, data la plateale impopolarità della decisione, bolle in pentola qualcosa di diverso rispetto a quanto previsto?

CLICCA QUI PER RIVEDERE TUTTO IL CONSIGLIO COMUNALE DI IERI: LA DISCUSSIONE SULLE SPIAGGE E’ INIZIATA AL MINUTO 2.35.27