martedì, Giugno 18, 2024
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

“Stress da lavoro”: due postini svenuti nell’ufficio di via Terracciano

Due postini sono svenuti nell’ufficio di via Terracciano.

La causa del mancamento sarebbe un eccesso di stress lavorativo dovuto all’applicazione della riforma del servizio di recapito della corrispondenza.

Una novità di cui abbiamo già scritto martedì scorso e che sta creando notevoli difficoltà sia ai lavoratori del settore sia ai cittadini.

Ieri, per rimettere in piedi i portalettere che hanno perso i sensi, si è reso necessario l’intervento di un’ambulanza.

Un episodio che non è sfuggito al sindacato di categoria.

Il sindacalista Gino Ravveduto
Il sindacalista Gino Ravveduto

“L’azienda –dice Gino Ravveduto, delegato del Sindacato Lavoratori Poste aderente alla Cislin modo unilaterale, dal 10 ottobre, ha deciso di partire con una pseudo riorganizzazione per la consegna della posta a giorni alterni in provincia di Napoli. Purtroppo, però, questo nuovo percorso è iniziato con il piede sbagliato, senza tener conto delle difficoltà territoriali presenti in ogni comune, problematiche che sarebbero emerse se l’azienda avesse convocato i sindacati per un tavolo tecnico, cosa che non è avvenuta”.

Uno dei postini nell'ambulanza
Uno dei postini nell’ambulanza

I risultati sono i malori di ieri?
I due svenimenti avvenuti ieri nel Centro di Prima Distribuzione di Pozzuoli sono soltanto i primi sintomi di uno stress lavorativo che colpisce tutti: i direttori sono stressati dall’azienda e, a cascata, stressano a loro volta i lavoratori ad essi sottoposti.  I postini hanno una grande professionalità nel proprio operato ma questa nuova situazione sta facendo diventare ancora più usurante questa mansione e sta mettendo a repentaglio la loro  sicurezza in termini psicofisici. Immaginiamo per un attimo cosa sarebbe successo se questi due svenimenti fossero avvenuti mentre qualcuno era alla guida di uno scooter o di un’auto di Poste Italiane:  aspettiamo che succeda una tragedia?

Cosa sta facendo il sindacato?
Ci stiamo mobilitando per cancellare questo scellerato progetto di consegna della posta a giorni alterni, che causerà solo disagi notevoli a tutta la cittadinanza. Stiamo sensibilizzando le amministrazioni comunali, affinché anche loro si adoperino al nostro fianco in questa battaglia, perché, se tutti insieme saremo uniti, qualcosa di positivo si potrà raggiungere.

Il 4 novembre sciopererete proprio per questo motivo…
Lo sciopero nazionale del 4 novembre a Napoli, in piazza Matteotti, ci dovrà vedere tutti uniti, senza distinzione di colore, sia politico che sindacale. Abbiamo scritto anche ai Sindaci per chiedere il loro sostegno. Le istituzioni e i cittadini devono essere al nostro fianco in questa battaglia che riguarda tutti.

 

La lettera inviata ai Sindaci
La lettera inviata ai Sindaci

spot_img

Latest Posts

spot_img
spot_img
spot_img

ALTRI ARTICOLI

ARTICOLI PIU' LETTI