Ricevo e pubblico*

Nel silenzio generale e senza fornire motivazioni l’Amministrazione Figliolia si appresta ad aumentare i costi per la sosta sulle strisce blu.
La prima ora passerà dagli attuali 50 centesimi ad 1€, mentre dalle 21 in poi si dovrà sborsare 2€/ora invece di 1€/ora.
Un raddoppio delle tariffe deciso unilateralmente dalla Giunta e che ci ritroveremo in bilancio, senza averne preventivamente discusso e senza la possibilità di poter apportare modifiche in Consiglio.
E’ vero che si tratta di una competenza della giunta, ma solitamente queste scelte sono sempre state oggetto di discussione nelle commissioni consiliari.
Ricordiamo che dopo ampio dibattito, nel 2016, fu proprio il Sindaco Figliolia ad annunciare trionfalmente l’introduzione della tariffa agevolata a 50 centesimi per la prima ora di sosta.
Cosa è cambiato non è dato sapersi anche perché, come abbiamo più volte denunciato, l’Amministrazione Figliolia non ha un’idea chiara ed organica su mobilità, trasporti e parcheggi.
Manca il Piano Urbano del Traffico (PUT) e si continua ad operare in maniera confusa, attraverso stralci funzionali, con un Piano Generale (PGTU) redatto nel 2006 dai commissari prefettizi.
A nostro avviso alla base dell’aumento vi sono due motivazioni: far cassa nell’immediato per far quadrare il bilancio e rendere più “allettante” per i privati l’operazione di esternalizzazione della sosta sulle strisce blu.

Ebbene sì, dopo il “regalone” che si sta per fare a qualche “Benetton” di turno con le concessioni ventennali a “prezzi stracciati” dei parcheggi Multipiano e Piazza A Mare, l’Amministrazione Figliolia si appresta a cedere anche la gestione della sosta sulle strisce blu.
Dunque è meglio aumentare ora le tariffe piuttosto che farlo fare ai privati?
Siamo fortemente contrari alle concessioni dei parcheggi e delle aree di sosta perché si tratta di servizi che producono elevate entrate e la cui gestione non richiede particolari competenze o ingenti sforzi economici.
Perché regalare facili profitti ai privati? Perché non gestire internamente o pensare alla costituzione di una società partecipata multiservizi a cui affidare anche altre attività che si stanno selvaggiamente esternalizzando?
Certo, è più semplice smontare pezzo per pezzo la macchina comunale e dare tutto ai privati, ma a quale prezzo per i lavoratori e per la città?
Continueremo a contrastare con forza queste operazioni, anche se purtroppo non abbiamo il potere di stopparle, ma almeno teniamo informati i cittadini sulle “scelleratezze” che l’Amministrazione Figliolia sta mettendo in atto.
Relativamente al raddoppio della tariffa della prima ora di sosta sulle strisce blu, chiederemo che almeno venga data la possibilità di poter pagare anche per le sole frazioni di ora.

 

*Antonio Caso (capogruppo del Movimento Cinque Stelle al Consiglio Comunale di Pozzuoli)

Commenti