Ricevo e pubblico*

Egregio Direttore, volevo raccontarle questa breve, storia ricca di considerazioni, con la speranza che qualcuno possa mai giustificare questa mancanza, e, visto che si tratta (a mio avviso) anche di un danno erariale, individuare eventuali responsabili che ovviamente si annidano nella pubblica amministrazione.

Faccio solo una veloce premessa sulla scrupolosità, sulla operosità e sull’efficienza della polizia locale di Pozzuoli riguardo la loro particolare attenzione sul rispetto dell’utilizzo delle strisce blu da parte degli automobilisti, i quali, molto spesso, si sono visti appioppare contravvenzioni solo per aver tardato pochi minuti nell’obbligo rinnovare il grattino scaduto.

Interventi lodati dall’amministrazione, e dal sindaco in prima persona, innanzitutto perché riescono a rimpinguare le casse del comune.

I fatti: per motivi di lavoro, da sempre, in modo quotidiano, sono costretto a percorrere Via Napoli per raggiungere Napoli dov’è ubicato il mio posto di lavoro.

Subito dopo il Parco Pacifico, ho sempre notato un’autovettura in stato di abbandono regolarmente in sosta sulle strisce blu.

Questa autovettura abbandonata, ha da sempre creato un serio impedimento, specialmente nei periodi estivi al reperimento di un posto per sostare.

Anzi, più di una volta ho assistito a vibrate proteste sia della gente del posto che di coloro che intendono bagnarsi nelle acque del nostro mare.

Nel frattempo, passano i giorni, e poi le settimane…l’auto è sempre lì, senza mai una contravvenzione sotto il tergicristallo…

Eppure ci mettono anche i volantini, com’è che la polizia locale cosi attenta a sopprimere questi fenomeni non veda questa auto.

Ma poi….passano i mesi e poi gli anni.

Vabbé, non vorrei scrivere un libro però visto che l’autovettura è facilmente individuabile su google maps e le prima volta compare a giugno 2017 e poi a luglio 2017 come si evince dalle foto allegate tratte dal famoso google maps ed attualmente risulta anche impacchettata come da foto scattata nel pomeriggio di giovedì, qualcuno che legge, magari l’ufficio tributi del comune, o qualcuno bravo in matematica potrebbe calcolare il danno che questa autovettura ha creato alle casse comunali, ma specialmente con la complicità di chi?

Qualcuno vuole scommettere che quel telo copre la stessa macchina ?

Naturalmente sprovvista anche di assicurazione come controllato da www.ilportaledellautomobilista.it

Se poi qualcuno è in grado di dimostrare che l’autovettura in stato di abbandono è coperta di regolare abbonamento di sosta, fin dalla prima rilevazione di google, siamo pronti a fare un passo indietro chiedendo umilmente scusa.

Attualmente però, vista la sua totale copertura, non è possibile verificare neanche se è stato esposto il fatidico grattino sul parabrezza.

*Vito Bondi