Con il ritorno in zona gialla possono riprendere tutti gli sport di contatto. A cominciare dal calcio a cinque, una delle discipline più praticate a livello amatoriale.

A Pozzuoli, c’è chi ha deciso di farlo in totale sicurezza, andando perfino oltre le prescrizioni antiCovid stabilite dal Governo.

E’ l’Haska Team, un gruppo di dieci giovani che periodicamente si riuniscono per il rito della partita di calcetto e che si sono attrezzati addirittura per fare il tampone prima di ogni gara.

Un test rapido oro-faringeo che viene effettuato da uno dei giocatori (infermiere di professione) e che garantisce, in  appena 15 minuti, un esito affidabile all’85%.

Costo dell’operazione: circa 4 euro in più a testa da aggiungere ogni volta al noleggio del campo. Un sacrificio irrisorio in cambio di una ragionevole dose di tranquillità.

Ma soprattutto un lodevole esempio da seguire per “ripartire” senza troppe ansie in un periodo in cui si è più liberi di muoversi e di avere occasioni di svago mentre, purtroppo, il Covid ancora non concede tregua.

Complimenti dunque a coloro che compaiono nella nostra foto di copertina: Stefano Banco (in primissimo piano sulla destra), Mario Buonanno, Alessandro De Fronzo, Alessandro Gragnaniello, Mario Abenante, Gennaro Elia (in piedi da sinistra), Gaetano Ursomanno, Antonio Di Fraia, Fabio Amato e Federico De Fronzo (accosciati da sinistra).

Che il loro senso di responsabilità sia emulato il più possibile.