HomenewsTASI: per Figliolia…ok, il...

TASI: per Figliolia…ok, il prezzo è giusto!

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img

Ricevo e pubblico da Vincenzo Figliolia*

Gentile direttore, chiedo ospitalità (…) per rispondere alla lettera del direttivo del Partito dell’Italia dei Valori sulla questione del Giudice di Pace.

(http://www.pozzuoli21.it/tasi-puteolani-costretti-a-pagare-piu-del-dovuto/)

Nella nota si parla di una presunta incongruenza sul contenuto della delibera Consiliare di determinazione delle aliquote TASI 2014 in quanto, tra i costi dei servizi indivisibili da coprire con il tributo, sarebbe stato incluso anche l’importo di euro 781.658,00 a titolo di spese per “Servizi relativi alla giustizia, relativamente alla parte non finanziata con trasferimenti statali”. Tale inclusione confliggerebbe con le mie affermazioni circa l’impossibilità, per il Comune di Pozzuoli, di fronteggiare senza il concorso degli altri comuni Flegrei, gli oneri necessari al mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace.

In realtà, le conclusioni tratte sono fuorvianti e prive di contenuto per le ragioni che seguono. L’inserimento dell’importo di 781.658,00 euro, tra i costi dei servizi indivisibili da coprire con l’introduzione della TASI, non ha inciso in alcun modo nella determinazione delle aliquote del predetto tributo. Infatti, a fronte di un totale dei costi dei servizi indivisibili quantificati per il 2014 in euro 26.803.923,67, il gettito della TASI stimato per il medesimo anno, in  applicazione delle aliquote approvate, è di euro 3.250.000,00. Ne consegue che la TASI riuscirà a coprire poco più del 12% del costo dei servizi indivisibili.

Né sarebbe stato possibile escludere tale importo dai costi dei servizi indivisibili, in quanto almeno fino a tutto il mese di giugno e salvo proroghe da parte del Ministero, il Comune di Pozzuoli dovrà continuare a sostenere tutti i costi, ivi compresi i canoni di locazione relativi al mantenimento degli Uffici del Giudice di Pace dislocati presso la sede distaccata del Tribunale sita in Via Pisciarelli-Agnano. Per altro, la quantificazione di tali oneri a carico del Comune di Pozzuoli non appare sovrastimata in quanto, a seguito della disposta soppressione degli Uffici Giudiziari nei Comuni non capoluogo di Provincia, le leggi di bilancio hanno conseguentemente, sebbene troppo tempestivamente, falcidiato  gli stanziamenti relativi ai contributi dello Stato nella spesa dei Comuni che ospitano gli uffici in argomento, garantendo una copertura di appena il 20% dei costi necessari rispetto al precedente 75%.

Cordiali saluti.

*sindaco di Pozzuoli

spot_img

Ultimi articoli pubblicati