Teresa Stellato e Antonio Minieri

Ricevo e pubblico*

Gentile direttore, leggo della nomina di un assessore “in quota alla lista Campania Libera l’unica forza politica della coalizione di Figliolia che finora non era rappresentata in giunta”.

Oltre ad augurare un sincero buon lavoro al neo amministratore, m’impongo qualche riflessione.

Suscita una certa perplessità il fatto che solo ora questo “gruppo” si sia accorto di non avere rappresentanza in giunta e a meno di un anno dalla fine della consiliatura: cui prodest?

Lascio alla fantasia del lettore una risposta al curioso interrogativo.

Cionondimeno occorre precisare che il Campania Libera è stata un’esperienza esclusivamente elettorale (o elettoralistica?) dal momento che non si sono mai, e dico mai, riuniti i candidati della lista di cui si tratta.

Né i due consiglieri eletti hanno mai avvertito l’esigenza di coinvolgere i non eletti su questioni strategiche per il futuro della città.

Eppure abbiamo assistito ad aspri scontri fra maggioranza ed opposizione.

Pertanto, è opportuno che si sappia che non può parlarsi di Campania Libera come forza politica.

In qualità di ex candidata sotto quel simbolo dico solo “non in mio nome”.

*Teresa Stellato