“Noi qua portiamo i soldi, togliete subito questa multa o vi schiatto la testa a tutti e due!”.

Questa era la ‘filosofia’ (pronunciata ovviamente in dialetto) con cui nella tarda serata di ieri un automobilista napoletano (residente nel quartiere di Secondigliano) pensava di intimidire due vigili urbani colpevoli soltanto di fare il loro lavoro nella zona del lungomare.

Uno di essi, purtroppo, è finito al pronto soccorso e ora dovrà restare a casa per tre giorni a causa delle contusioni provocategli dalla testata che questo energumeno gli ha scagliato sulla fronte.

Costui non solo era entrato nella Ztl del corso Umberto ignorando il varco attivo ma si era preso anche la briga di parcheggiare la sua auto in uno stallo riservato, con tanto di ordinanza e cartello, ad un disabile del posto.

I poliziotti municipali hanno notato l’infrazione e la stavano sanzionando, con multa e rimozione attraverso il carro attrezzi, quando il proprietario del veicolo è arrivato di corsa sul luogo della contravvenzione e ha iniziato a protestare vivacemente con uno dei due caschi bianchi.

Un altro vigile è intervenuto in ausilio del collega cercando di spiegare al titolare della vettura che non poteva parcheggiare dovunque gli facesse comodo, ma purtroppo ha avuto la peggio subendone la minaccia (indirizzata ad entrambi i marescialli) e la successiva reazione bestiale.

L’autore dell’aggressione è attualmente agli arresti domiciliari: domani sarà processato per direttissima.