Il caos di stamattina sulle strade cittadine, oltre a far inferocire gli automobilisti, ha penalizzato soprattutto una categoria che, da questi giorni di festa, attendeva un po’ di respiro per uscire dalle secche della crisi economica.

Stiamo parlando dei commercianti, rimasti quasi del tutto inoperosi a causa dell’ingorgo che ha paralizzato il cuore di Pozzuoli.

“Vogliamo sapere chi ha causato questo disastro e ci batteremo affinché emergano tutte le responsabilità, a chiunque appartengano – tuona Lello Buono (nella foto), responsabile della Confesercenti puteolana e presidente dell’Associazione dei Commercianti del Centro Storico, che conta circa cento  iscritti – L’antivigilia di Natale è da sempre la giornata più favorevole per chi è in commercio, in alcune circostanze addirittura decisiva per le attività in maggiore sofferenza. E questo 23 dicembre era atteso come il pane da molti negozianti, viste le due allerta meteo consecutive che avevano già tenuto tutti i nostri potenziali clienti a casa. Invece ci siamo ritrovati con una Pozzuoli completamente bloccata e incassando poco o nulla in una giornata così importante. Di fronte ad una situazione del genere esigiamo la massima chiarezza – conclude Buono Non ci bastano né le giustificazioni del Sindaco né le accuse che gli muove l’opposizione. Stiamo pertanto valutando anche noi la possibilità di inviare un esposto in Procura per i danni che abbiamo subìto. Abbiamo il diritto di sapere nomi e cognomi dei colpevoli di questo disastro e non escludiamo la possibilità di rivalerci su di loro per ottenere un risarcimento”.