HomenewsTrasparenza: Comune “rimandato” dal...

Trasparenza: Comune “rimandato” dal Ministero

spot_imgspot_img

Il Comune di Pozzuoli non “brilla” in trasparenza. A dirlo è addirittura il Ministero per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, che, attraverso un’apposita “bussola” virtuale, sta monitorando tutti i siti web istituzionali per accertare il rispetto di quanto stabilito in un recente decreto legislativo, il numero 33 del 14 marzo, entrato in vigore il 20 aprile, dunque da poco meno di tre mesi. La norma riguarda infatti il “riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e prevede tutta una serie di adempimenti che gli Enti Locali dovranno rispettare nella comunicazione via internet con i cittadini.

E, nonostante il Municipio puteolano abbia effettivamente inserito, di recente, nel proprio sito una pagina intitolata “Amministrazione trasparente” e costruita proprio per ottemperare a questo decreto legge, evidentemente per il Ministero il lavoro finora effettuato in tal senso dal Comune di Pozzuoli non è ancora sufficiente.

L’Ente di via Tito Livio, nella classifica generale di tutti i comuni d’Italia, occupa infatti una posizione davvero imbarazzante, avendo soddisfatto finora soltanto 7 indicatori  di trasparenza sui 42 minimi obbligatori per legge da quando è in vigore il decreto.

Una percentuale del 16,67% di “trasparenza” (Napoli, tanto per fare un esempio, è al 71,43%, con 30 indicatori “soddisfatti” su 42) che, sia pur misera, si colloca comunque al secondo posto tra i quattro comuni flegrei (solo Quarto ha fatto meglio con 16 indicatori su 42, mentre Monte di Procida e Bacoli sono ancora più indietro di Pozzuoli, con, rispettivamente, 6 e 5 indicatori in armonia con la nuova norma).

Per avere un’idea più chiara del livello di “trasparenza” attribuito dal Governo al sito istituzionale del Comune di Pozzuoli, ciascuno di voi può cliccare  questo link http://www.magellanopa.it/bussola/page.aspx?s=verifica-ultimo-monitoraggio&qs=HhRDWz4qow7rdRih5X4dNB8Cc1MBKPHWWbOCrQ7EW2k= e visualizzare tutte le criticità contestate dal Ministero, con i relativi suggerimenti per adeguare il sito alla nuova norma.

Dalla lettura di questo vademecum, ecco, in sintesi, cosa dovrebbe fare il Comune di Pozzuoli per avere un sito web in linea con il decreto legge 33/2013.

***

Inserire in home page un link, denominato “URP” o “Ufficio Relazioni con il Pubblico”, che punti ad una pagina informativa riportante una serie di informazioni su come funziona, dove si trova e come è possibile accedere all’Ufficio Relazioni con il Pubblico.

***

Inserire in home page un link, denominato “Posta Elettronica Certificata”,  che riporti l’indirizzo della casella di posta elettronica certificata dell’ente.

***

Inserire, all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Programma Triennale per la Trasparenza” o “Trasparenza”, che riporti ad una sezione o ad un documento dedicato.

***

Inserire, all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Piano e la relazione sulle performance”, che riporti ad una sezione o ad un documento dedicato.

***

Inserire, all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Dati informativi sull’organizzazione e i procedimenti”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sull’organizzazione e i procedimenti”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Organigramma” , che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sull’organizzazione e i procedimenti”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Posta elettronica istituzionale”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sull’organizzazione e i procedimenti”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Qualità dei servizi”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sull’organizzazione e i procedimenti”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Carta dei Servizi”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Dati informativi sul Personale”, che riporti ad una sezione o ad un documento dedicato.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Nominativi e Curriculum Vitae Dirigenti e titolari posizioni organizzative”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Retribuzioni Dirigenti”,  che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Retribuzioni e Curriculum Vitae per incarichi politici”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Nominativi e Curriculum Vitae dei valutatori”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Assenze e Presenze”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Dati Segretario Comunale”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Premi e Compensi”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Premialità”,  che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Codice Disciplinare”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati informativi sul Personale”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Contrattazione Nazionale”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Incarichi a dipendenti e soggetti privati”, che riporti ad una sezione o ad un documento dedicato.

***

Inserire, all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Dati sulla gestione economico-finanziaria dei servizi pubblici”, che riporti ad una sezione o ad un documento dedicato.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati sulla gestione economico- finanziaria dei servizi pubblici”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Contabilizzazione servizi erogati”,  che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati sulla gestione economico- finanziaria dei servizi pubblici”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Contratti Integrativi”, che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione “Dati sulla gestione economico- finanziaria dei servizi pubblici”, posizionata all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Consorzi, Enti e Società”,  che riporti ad una sezione dedicata.

***

Inserire, all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Gestione dei Pagamenti”, che riporti ad una sezione o ad un documento dedicato.

***

Inserire, all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Buone prassi”, che riporti ad una sezione o ad un documento dedicato.

***

Inserire, all’interno della sezione denominata “Trasparenza, valutazione e merito”, un link denominato “Albi beneficiari provvidenze”, che riporti ad una sezione o ad un documento dedicato.

***

Inserire in home page un link, denominato “Pubblicazioni”, che punti ad una pagina dedicata.

***

Inserire in home page un link, denominato “Bandi di Gara”, che punti ad una pagina dedicata.

***

Inserire in home page un link, denominato “Bilanci”, che punti ad una pagina dedicata.

***

Inserire in home page un link, denominato “Servizi di egovernment attivi”, che punti ad una pagina dedicata.

***

Inserire in home page un link, denominato “Servizi di egovernment di futura attivazione”, che punti ad una pagina dedicata.

***

Inserire in home page un link, denominato “Privacy”, che punti ad una pagina dedicata.

***

Inserire in home page un link, denominato “Note Legali”, che punti ad una pagina dedicata.

***

Inserire in home page un link, denominato “Elenco Siti Tematici”, che punti ad una pagina dedicata.

***

Inserire in home page un link, denominato “Come fare per”, che fornisca accesso diretto alla pagina dedicata alle sezioni informative sui procedimenti dell’Amministrazione.

***

Insomma, il Comune di Pozzuoli ha davvero tanto da lavorare per rendere il proprio sito istituzionale “trasparente” così come prevede la nuova legge.

L’auspicio è che questo lavoro si faccia al più presto e bene,  per fornire ai cittadini un doveroso strumento di comunicazione con l’Ente, ma soprattutto di sacrosanto controllo su come vengono spesi i soldi della collettività.

 

spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati