HomeDall'Italia e dal MondoTumori, forte calo (-33%)...
spot_imgspot_img
spot_img

Tumori, forte calo (-33%) tasso mortalità in Usa dal 1991

Secondo rapporto american cancer society

Roma, 12 gen. (askanews) – Il tasso di mortalità per cancro negli Stati Uniti è diminuito del 33% dal 1991, in parte a causa dei progressi nel trattamento, della diagnosi precoce e della riduzione del fumo, afferma un nuovo rapporto dell’American Cancer Society.

Il tasso di mortalità per cancro negli Stati Uniti è diminuito del 33% dal 1991, il che corrisponde a circa 3,8 milioni di decessi evitati, secondo il rapporto, pubblicato giovedì su CA: A Cancer Journal for Clinicians. Il tasso di vite perse a causa del cancro ha continuato a ridursi nell’ultimo anno per il quale sono disponibili dati, tra il 2019 e il 2020, dell’1,5%.

Il calo del 33% della mortalità per cancro è “davvero formidabile”, ha affermato Karen Knudsen, amministratore delegato dell’American Cancer Society.

Il rapporto attribuisce questo costante progresso ai miglioramenti nel trattamento del cancro, al calo del fumo e all’aumento della diagnosi precoce.

“Nuove scoperte per la prevenzione, per la diagnosi precoce e per la cura hanno portato a guadagni reali e significativi in molte delle 200 malattie che chiamiamo cancro”, ha affermato Knudsen.

Nel loro rapporto, i ricercatori dell’American Cancer Society hanno anche indicato le vaccinazioni contro l’HPV come collegate alla riduzione dei decessi per cancro. Le infezioni da HPV, o papillomavirus umano, possono causare il cancro cervicale e altri tipi di cancro e la vaccinazione è stata collegata a una diminuzione dei nuovi casi di cancro cervicale.

Tra le donne poco più che ventenni, c’è stato un calo del 65% dei tassi di cancro cervicale dal 2012 al 2019, “che segue totalmente il momento in cui i vaccini HPV sono stati messi in uso”, ha affermato il dott. William Dahut, responsabile scientifico della società.

“Ci sono altri tumori correlati all’HPV, che si tratti di tumori della testa e del collo o di tumori anali, quindi c’è ottimismo che questo avrà un’importanza al di là di questo”, ha affermato.

La probabilità nel corso della vita di essere diagnosticati con qualsiasi cancro invasivo è stimata al 40,9% per gli uomini e al 39,1% per le donne negli Stati Uniti, secondo il nuovo rapporto.

Il rapporto include anche proiezioni per il 2023, stimando che potrebbero esserci quasi 2 milioni di nuovi casi di cancro – l’equivalente di circa 5.000 casi al giorno – e più di 600.000 decessi per cancro negli Stati Uniti quest’anno.

Durante i primi giorni della pandemia di Covid-19, molte persone hanno saltato gli esami medici regolari e alcuni medici hanno assistito a un aumento dei casi di cancro avanzato sulla scia di screening e trattamenti ritardati dalla pandemia.

I ricercatori dell’American Cancer Society non sono stati in grado di monitorare “quella riduzione dello screening che sappiamo di aver osservato tutti in tutto il paese durante la pandemia”, ha affermato Knudsen. “Questa volta l’anno prossimo, credo che il nostro rapporto fornirà alcune informazioni iniziali su quale sia stato l’impatto nella pandemia dell’incidenza del cancro e della mortalità per cancro”.

I dati hanno mostrato che il tasso di mortalità per cancro negli Stati Uniti è aumentato durante la maggior parte del 20° secolo, in gran parte a causa di un aumento dei decessi per cancro ai polmoni legato al fumo. Poi, quando l’incidenza dei fumatori è diminuita e sono aumentati i miglioramenti nella diagnosi precoce e nei trattamenti per alcuni tipi di cancro, c’è stato un calo del tasso di mortalità per cancro rispetto al picco del 1991. Da allora, il ritmo del declino ha lentamente accelerato.

Il nuovo rapporto ha rilevato che il tasso di sopravvivenza relativa a cinque anni per tutti i tumori combinati è aumentato dal 49% per le diagnosi a metà degli anni ’70 al 68% per le diagnosi nel periodo 2012-18.

I tipi di cancro che ora hanno i più alti tassi di sopravvivenza sono la tiroide al 98%, la prostata al 97%, il testicolo al 95% e il melanoma al 94%, secondo il rapporto.

Gli attuali tassi di sopravvivenza sono più bassi per i tumori del pancreas, al 12%.

continua a leggere sul sito di riferimento

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati