Arrivano dal piazzale di accesso al rione Terra le infiltrazioni di acqua che stanno mettendo in pericolo la stabilità del tunnel Tranvai.

La notizia è ufficiale ed è contenuta in un’ordinanza (la numero 38 di ieri, giovedì 5 maggio) con cui il sindaco Enzo Figliolia diffida l’ingegner Giovanni Giannini, direttore tecnico del cantiere per i lavori di ristrutturazione della rocca, a procedere immediatamente agli interventi (che già dovevano iniziare un mese fa) per l’eliminazione della perdita.

Il piazzale di accesso al rione Terra
Il piazzale di accesso al rione Terra

L’esito delle indagini strutturali compiute dal Comune il 26 febbraio scorso (a due mesi dalla comparsa delle prima macchie di umidità sulla volta del traforo) hanno infatti permesso di accertare che il problema proviene dal Largo Sedile di Porta, ossia lo spiazzo di ingresso al rione Terra.

In conseguenza di ciò, come è scritto sempre nella diffida del Capo dell’Amministrazione, l’ingegner Giannini, dopo essere stato informato il 21 marzo in merito all’esito del sopralluogo, assicurò che il 5 aprile avrebbe iniziato opere di “verifica della tenuta idraulica delle caditoie delle acque piovane presenti sul Largo Sedile di Porta; eliminazione del giardinetto posto tra l’ascensore esterno e il Sedile dei Nobili; bitumatura dei giunti di tutto il Largo Sedile di Porta; sistemazione e tenuta idraulica dei due pozzetti degli impianti elettrici posti in posizione limitrofa agli ascensori esterni”.

Opere che però, al momento di un successivo sopralluogo, effettuato l’altro ieri, mercoledì 4 maggio, non erano ancora iniziate.

Cosicchè Figliolia ha diffidato il responsabile del Consorzio Rione Terra ad avviare questi lavori entro cinque giorni dalla data di notifica dell’ordinanza, minacciando, in caso contrario, di rivolgersi alla magistratura per denunciare l’inosservanza di un provvedimento emanato da un’Autorità per garantire la pubblica sicurezza, così come stabilito dall’ex articolo 650 del codice penale.

Per ora, il Sindaco non ha previsto la chiusura del tunnel, benché la situazione appaia poco rassicurante.

Speriamo non diventi necessario farlo.

LE IMMAGINI DELL’INFILTRAZIONE NEL TUNNEL