Da circa un’ora, quasi 200 ambulanti delle fiere settimanali di Toiano e Monterusciello hanno avviato un corteo di protesta che ha avuto come destinazione finale la sede centrale del Municipio, in via Tito Livio.

I venditori contestano la decisione con cui il sindaco Enzo Figliolia ha sospeso entrambi i mercatini del mercoledì fino al 15 novembre, come misura di prevenzione del contagio da Covid.

“E’ un’ingiustizia che rischia di innescare una guerra tra poveri – dicono gli operatori – Innanzitutto non si capisce per quale motivo il Sindaco abbia voluto chiudere soltanto i mercatini settimanali lasciando aperti tutti gli altri sul territorio cittadino. Tra l’altro i mercatini settimanali sono super controllati sia dai vigili urbani che dai carabinieri e, specie in questo periodo, oltre a dare lavoro a tantissime famiglie, svolgono l’importantissima funzione di calmierare i prezzi combattendo il rischio di speculazioni su generi di prima necessità. Vogliamo incontrare Figliolia e convincerlo a tornare sui propri passi”.

L’incontro tra Sindaco e mercatali è avvenuto e Figliolia ha rassicurato gli ambulanti in merito alla sua volontà di riaprire la fiera settimanale anche prima del 15 se i contagi in città scenderanno, così come ha annunciato di essere pronto a chiudere anche gli altri mercati se la situazione dovesse invece peggiorare nei prossimi giorni.