Minuti di terrore poco prima dell’alba di stamane dietro le quinte del lungomare via Napoli, dove un’auto è andata a fuoco danneggiando quattro abitazioni del palazzo sotto cui era parcheggiata.

L’inferno intorno alle 5 del mattino, quando due forti esplosioni hanno svegliato i residenti nella quarta traversa Barletta.

Ai boati sono seguite le fiamme che, in men che non si dica, hanno avvolto, divorandola, una Mercedes Classe A di proprietà di un abitante del posto, arrivando fino al secondo piano dello stabile.

Temendo il peggio, gli inquilini del fabbricato si sono precipitati immediatamente in strada.

Pressoché immediato l’arrivo dei pompieri.

La squadra 4b del distaccamento “Mostra” ha però dovuto  faticare non poco per domare il rogo, visto che l’autobotte, a causa della strada stretta e delle troppe auto parcheggiate ai suoi lati, non riusciva a raggiungere il luogo dell’incendio e dunque si è dovuta fermare in via Barletta, ragion per cui si è dovuto agire prima con un estintore e poi con le pompe idranti srotolate lungo un percorso di diverse decine di metri.

Sul posto anche i carabinieri.

Dai primi rilievi investigativi, non ci sono tracce che facciano pensare ad un evento doloso.

L’auto potrebbe essere stata distrutta da un corto circuito.

 

Ora bisognerà procedere con l’inventario dei danni arrecati a chi vive in quell’immobile, dove a causa dell’incendio è saltata la corrente elettrica e si è interrotta la fornitura d’acqua potabile.