E’ purtroppo letale il bilancio del tremendo incidente avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri sul corso Terracciano, all’incrocio con via Giacinto Diano.

Durante la notte, all’ospedale “Santa Maria delle Grazie” di La Schiana,  è infatti deceduta, per le tremende ferite riportate nell’impatto, la 43enne Antonella Russo, che, con il marito Gianluca Galiotta (comandante della compagnia dei Carabinieri di Bagnoli) era a bordo della motocicletta travolta dall’auto guidata da un militare della Nato di origine slovena che non ha rispettato lo stop.

Una notizia davvero atroce e da molti temuta, visto che i numerosi testimoni del sinistro si erano resi immediatamente conto delle condizioni disperate in cui versava la consorte del militare.

Si aggrava pertanto anche la posizione del conducente del veicolo che ha provocato l’impatto e che tuttora è a piede libero nonostante l’omicidio stradale e l’omissione di soccorso. 

L’uomo (nella foto di spalle), che era alla guida della sua Bmw X1 in stato di ubriachezza, aveva infatti tentato anche di scappare dal luogo dello scontro.

Fuga impedita da un giovane centauro, che si era messo ad inseguirlo raggiungendolo nei pressi del distributore di benzina di via Anfiteatro e strappandogli le chiavi dal cruscotto di accensione.