L'area esterna del mercato all'ingrosso

Saranno gli spazi esterni del mercato ittico all’ingrosso ad ospitare gli 88 ambulanti sfrattati venerdì scorso dai due capannoni di via Fasano, sequestrati dalla Direzione Distrettuale Antimafia.

Lo ha reso noto pochi minuti fa il sindaco Enzo Figliolia ad una delegazione di venditori e ai rappresentanti sindacali della categoria.

L’esterno del mercato ittico all’ingrosso

Si è dunque concretizzata con un’intesa tra Comune e Regione la soluzione più ambìta dagli stessi operatori (e anticipata l’altro ieri da Pozzuoli21) dopo il no dell’Asl al ritorno nell’area ex Sofer.

Nello specifico, i dettaglianti di pesce e gli alimentaristi saranno sistemati sotto i porticati della struttura, mentre tutti gli altri (pane, frutta e verdura) potranno lavorare in una delle aree mercatali attualmente adibite a parcheggio, quella antistante l’Itis.

Figliolia ha spiegato però che la nuova sede non potrà essere attrezzata prima di tre settimane, per ottemperare alle prescrizioni imposte dall’azienda sanitaria locale.

Il che equivarrebbe ad almeno un mese di stop complessivo per queste aziende.

Venditori e sindacalisti saranno lunedì mattina proprio all’Asl di via Campana per cercare di capire se è possibile accelerare il rilascio di tutti i permessi necessari.

Mercoledì alle 10.30 invece incontreranno il Prefetto, al quale illustreranno la situazione e chiederanno un tavolo di concertazione per velocizzare tutte le procedure burocratiche propedeutiche al trasferimento nel mercato ittico all’ingrosso.