Enzo Daniele, capogruppo dimissionario del Pd, (foto gino conte)

Vincenzo Daniele si è dimesso da capogruppo consiliare del Pd. La decisione, già anticipata nei giorni scorsi dal diretto interessato a tutti i suoi colleghi, è stata comunicata stamattina con una pec indirizzata a tutti i consiglieri Dem.

La motivazione ufficiale recita “ragioni personali”, ma già da tempo Daniele aveva manifestato il suo disagio a ricoprire questa carica viste le continue frizioni interne al partito che, col passare del tempo, hanno visto esplodere insanabili contrapposizioni politiche e talvolta anche personali, tra consiglieri e dirigenti di varie ‘anime’ del Pd.

“Il gruppo  consiliare e il partito a Pozzuoli sono come motori costruiti apposta per non funzionare, quasi fossimo organi commissariati in cui ognuno deve andare per conto proprio e non può esserci nessuno in grado di rappresentare il sentire di una squadra”, aveva più volte detto Daniele, anche durante il recente congresso locale del Pd.

La goccia che fatto traboccare il vaso sarebbe stata la gestione della crisi di maggioranza da parte del Sindaco (che ha azzerato la Giunta senza interloquire nemmeno con l’ormai ex capogruppo) e lo stesso esito congressuale cittadino, determinato dalla scelta, di una parte del Pd, di non candidare un proprio esponente al successo finale, lasciando il via libera alla riconferma del segretario uscente, Antonio Tufano (nella foto), caldeggiato e sostenuto dalla corrente più vicina a Figliolia.

Commenti