Dopo quello del mese scorso a Milano, un nuovo grande traguardo è stato raggiunto dall’Itcg “Pareto” di Arco Felice nell’ambito dei progetti di alternanza scuola-lavoro.

Il prestigioso istituto superiore diretto dalla preside Donatella Mascagna ha infatti conseguito, sei giorni fa, presso l’aula magna del Politecnico di Bari, il primo premio in “project management” battendo in finale i 16 concorrenti (provenienti da Puglia e Campania) che avevano superato le precedenti selezioni.

Un successo reso possibile dalla più alta media di punteggi conseguiti dagli alunni del “Pareto” nei test dei Giochi Olimpici di categoria, oltre che da parametri di valutazione come il “coinvolgimento e l’apporto dei docenti” nonché la “disponibilità e l’accoglienza dell’istituto scolastico”.

Protagonisti 12 studenti delle quarte classi dell’indirizzo AMF (Amministrazione, Finanza e Marketing): Carmen Arena, Gianmarco Battista, Giuseppe Cacciapuoti, Gabriele Costagliola, Francesca De Simone, Gennaro Di Costanzo, Raffaele Maddaluno, Alessia Marono, Rosario Severino, Pasquale Tortorelli, Teresa Trincone, Federica Francesca Vitale.

I ragazzi del “Pareto” nell’aula magna del politecnico di Bari con la professoressa Patrizia Perna e il tutor aziendale Raffaele Sannino

Gli allievi, al termine di un percorso formativo (guidato dall’ingegner Raffaele Sannino come tutor aziendale e dalla professoressa Patrizia Perna in qualità di tutor scolastico) hanno redatto, secondo la procedura richiesta dal PMI (Project Management Institute, ente organizzatore del concorso) tutta la documentazione prevista per la gestione di un progetto a loro scelta.

La giuria (composta da esperti di project management, sponsor aziendali, docenti universitari e dal preside Rocco Gervasio, dell’Ufficio Scolastico Regionale della Campania) ha nominato, tra i 10 migliori  progetti (categoria “De Lux”), quello del team del “Pareto” composto da Giuseppe Cacciapuoti, Alessia Marono e Teresa Trincone (che hanno simulato la progettazione di un prototipo di aspirapolvere senza fili: nell’occasione, l’alunno Cacciapuoti si è cimentato nella prova dello “speech”, ossia la spiegazione a voce del progetto, di fronte alla giuria e al pubblico dell’aula magna del Politecnico).

I giurati hanno inoltre premiato Raffaele Maddaluno e Carmen Arena per i punteggi ottenuti nei test conclusivi di ogni lezione e nuovamente premiato Carmen Arena  per il terzo posto come project manager dell’anno (conquistato con il punteggio di 93/100,  un punto in meno del secondo classificato e due punti in meno del vincitore).

Gabriele Costagliola con la coppa vinta dal “Pareto”

Poi, l’epilogo a sorpresa con il primo premio consegnato alla scuola dal rappresentante ufficiale del PMI Southern Chapter, che ha definito questo riconoscimento come il “più importante” della competizione.

Il “Pareto” è dunque tornato a casa con coppe, targhe e medaglie, ma soprattutto con tante motivazioni in più e la gioia di aver creato nuove opportunità di crescita attraverso  un grande lavoro di squadra tra studenti e insegnanti.

Commenti