HomePrimo PianoUn gazebo sul porto...
spot_imgspot_img

Un gazebo sul porto per assistere i malati oncologici in attesa del traghetto per le isole

spot_imgspot_img

Un presidio sul porto per assistere i malati oncologici di Ischia e Procida in attesa di imbarco dopo essersi sottoposti a terapie specifiche sulla terraferma.

E’ l’iniziativa voluta dal sindaco Gigi Manzoni dalle 8 alle 17 di ogni giorno, da oggi e fino al prossimo 15 settembre. CLICCA QUI PER LEGGERE L’ATTO DIRIGENZIALE

E’ stato lo stesso Primo Cittadino a spiegarla sulla propria pagina Facebook: “É nostro dovere prenderci cura dei nostri concittadini in difficoltà, con azioni concrete di vicinanza e supporto. Sono numerosi i cittadini di Ischia e Procida che, periodicamente, transitano per il Porto per le necessarie cure presso le strutture sanitarie dell’ASL Napoli 2 Nord – scrive Manzoni (nella foto di Gino Conte) – Il caldo tipico della stagione estiva è ancora più pesante da sopportare per persone che sono sottoposte a trattamenti sanitari particolarmente debilitanti. Abbiamo predisposto, quindi, un presidio per attività di assistenza psico-sociale ai malati oncologici, in Largo San Paolo, dal 21/07/2022 al 15/09/2022, attivo tutti i giorni dalle 8:00 alle 17:00. Il gazebo è presidiato dai volontari della protezione civile e dal corpo della polizia municipale, con panchine per riposare all’ombra e bottigliette di acqua destinate ai malati oncologici in attesa del mezzo per ritornare sulle isole”.

Il provvedimento è stato accolto con favore dal Cudas (Comitato Unitario del Diritto alla Salute) di Ischia.

“Quando si vuole, si può. La dimostrazione di ciò che, come Cudas Ischia abbiamo sempre pensato, ci è arrivata oggi da Pozzuoli con le foto che pubblichiamo – si legge in una nota del sodalizio – In meno di cinque giorni, compresa una domenica, il nuovo sindaco di Pozzuoli, Luigi Manzoni, informato e sollecitato dal sindaco di Lacco Ameno Giacomo Pascale, ha provveduto a installare un gazebo con alcune sedute in largo San Paolo, cioè sul porto, per garantire ai malati oncologici isolani, che fanno avanti e indietro con la terraferma per la radio e altre terapie specifiche, di attendere il traghetto senza doversi prendere un’insolazione. Il Cudas aveva più volte evidenziato nel corso degli anni quanto fosse disagevole per persone in una condizione di particolare fragilità, durante i periodi anche lunghi di trasferte in terraferma per sottoporsi a terapie già piuttosto pesanti, dover attendere anche a lungo i traghetti sul porto di Pozzuoli in pieno sole o sotto la pioggia, accampati senza alcun riparo, dopo aver sopportato una seduta di radioterapia. Quest’anno, prima dell’estate, la fase elettorale aveva impedito di trovare interlocutori per qualche mese. Sabato scorso, eravamo tornati ad esporre la problematica al Sindaco di Lacco Ameno, che aveva telefonato al collega puteolano chiedendogli un intervento urgente. E, dall’altra parte, il primo cittadino flegreo aveva subito risposto positivamente, annunciando il provvedimento che è riuscito a concretizzare in pochissimo tempo, nonostante i numerosi pareri da acquisire e i passaggi burocratici necessari, essendo quella portuale un’area demaniale. Già ieri, Manzoni aveva firmato il nulla osta finale per “lo svolgimento delle attività di assistenza psico-sociale ai malati oncologici”, affidando l’installazione del gazebo alla Protezione civile comunale, che puntualmente stamattina ha provveduto a dare una risposta di civiltà alle esigenze dei tanti cittadini delle isole che frequentano il porto di Pozzuoli per motivi sanitari. Il nostro ringraziamento per la fattività e la tempestività dimostrate ai due Sindaci Manzoni e Pascale, che senza perdersi in chiacchiere hanno risolto efficacemente un problema che durava da tempo”.

spot_img

Ultimi articoli pubblicati