HomenewsUn’altra denuncia in Tribunale...
spot_imgspot_img
spot_img

Un’altra denuncia in Tribunale contro l’Amministrazione Figliolia

Ancora una denuncia per comportamento antisindacale. E’ quella che Cgil, Cisl e Uil del comparto funzione pubblica aziendale e territoriale sporgeranno contro l’Amministrazione Comunale alla luce di una delibera, la 190 del 23 dicembre scorso, con cui la Giunta Figliolia ha approvato le “linee di indirizzo” per pagare ai dipendenti del Municipio il salario accessorio relativo al 2016.

Un atto contro cui i lavoratori dell’Ente domani mattina terranno, a partire dalle 7, un’assemblea generale davanti alla palazzina numero 7 (quella dove ha sede l’ufficio del sindaco e la sala in cui egli si riunisce con i suoi assessori).

Il volantino sindacale con cui si proclama l'assemblea di domattina
Il volantino sindacale con cui si proclama l’assemblea di domattina

La delibera in questione (adottata in seguito agli esiti dell’ispezione ministeriale di cui abbiamo scritto in anteprima esclusiva il 13 dicembre scorso) serve a sanare tutti i potenziali danni erariali che la Corte dei Conti avrebbe potuto contestare alla luce dei risultati di quella verifica.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA DELIBERA 190 CONTESTATA DAI SINDACATI

soldiEd è una delibera che i sindacati, in un documento unitario, definiscono “vergognosa”, in quanto, come scrivono Cgil. Cisl e Uil, in un colpo solo, destinando le risorse  stabili del fondo al pagamento dei rilievi del Ministero dell’Economia e Finanze, non toccando minimamente i privilegi destinati alle Posizioni Organizzative (a parte solo la quota che, unilateralmente, era stata aumentata in favore delle stesse) e alle Posizioni Organizzative dirigenziali – che, con un vero e proprio blitz, hanno inserito nella delibera su enunciata – mettendo di fatto le mani nelle tasche dei lavoratori, sottrae alla contrattazione tutte le risorse economiche destinate alla produttività anno 2016, nonché le risorse destinate all’indennità di responsabilità art. 17 lettera f ”.  

lSecondo le organizzazioni di categoria, si prendono iniziative dal sapore amaro solo ed esclusivamente nei confronti delle categorie più basse, o dei lavoratori meno privilegiati, ma lasciano invariato il sistema retributivo dei Dirigenti e funzionari, ed, in questo caso, senza preoccuparsi minimamente di contravvenire alle leggi che riconoscono le indennità di risultato solo a seguito dell’adozione di un piano di performance che, con progetti di produttività, contribuiscano in modo determinante alla realizzazione degli obiettivi assegnati. Per amor di cronaca e di verità –proseguono Cgil, Cisl e Uil vogliamo sottolineare che non ci si è mai trovati di fronte a nessun Comune interessato dai rilievi del Ministero dell’Economia e delle Finanze che, addirittura prima delle controdeduzioni, abbia già proceduto al taglio delle risorse”.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA DELIBERA 194 SUL SALARIO ACCESSORIO 2016 PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

I sindacati contestano, come illegittimità principale, “la costituzione e la ripartizione unilaterale del fondo, determinando, di fatto, l’abrogazione della contrattazione e della Delegazione Trattante”.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA DELIBERA 195 SUL SALARIO ACCESSORIO 2016 PER IL PERSONALE DIRIGENTE

tribunale_martelloEd è per questo che si rivolgeranno al Giudice del Lavoro per contestare il comportamento antisindacale dell’Amministrazione, ma preannunciano ricorsi in tutte le sedi (anche alla Procura della Corte dei Conti) per contestare le iniziative “organizzative del lavoro e delle risorse economiche” e per patrocinare ricorsi individuali da parte di lavoratori che hanno incarichi di particolare responsabilità.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati