HomeDall'Italia e dal MondoVenezia, il ballo del...
spot_imgspot_img
spot_img

Venezia, il ballo del Doge di Antonia Sautter compie trent’anni

Sabato 18 febbraio l’evento alla Scuola Grande della Misericordia

Roma, 11 gen. (askanews) – L’arte di sognare e un invito a celebrare la nuova ruggente era che si spera possa avere finalmente inizio, dopo il complicato triennio che Venezia, insieme a gran parte del mondo, ha vissuto, sono i due leitmotiv che s’intrecceranno nella messa in scena de “Il Ballo del Doge 2023”, l’appuntamento mondano in costume d’epoca più ricercato del Carnevale Veneziano, che quest’anno compie 30 anni.

La trentesima edizione de Il Ballo del Doge andrà in scena sabato 18 febbraio 2023 nella monumentale cornice della Scuola Grande della Misericordia e miscelerà sapientemente coreografie e atmosfere sceniche da “sogno di una notte di sabato grasso”, con un’originale playlist che corre sul filo lirico di tre decadi, ripromettendosi di coinvolgere il suo esclusivo pubblico internazionale in un viaggio multisensoriale tra le trenta passate edizioni de Il Ballo del Doge, uno spaccato di storia del costume.

“Rivedendo spezzoni e immagini delle passate edizioni insieme al mio team creativo, mi sono resa conto di quanto Il Ballo del Doge racconti e rispecchi tre decadi di moda, costume e società, così uniche e diverse tra loro”, ha affermato in un comunicato Antonia Sautter, stilista e imprenditrice veneziana, anima e mente de Il Ballo del Doge fin dalla prima edizione, nel 1994.

“Il Ballo del Doge è stato un palcoscenico d’eccezione da cui osservare tre decenni di glamour e socialité in laguna, un punto d’incontro tra vip e ospiti internazionali, da Marta Marzotto a Vivienne Westwood, da Zucchero a Agatha Ruiz De La Prada, da Bebe Vio a molti altri che non cito per rispetto della loro privacy. Insieme a stili e mode, è cambiato anche il modo di fare spettacolo, d’intrattenere gli ospiti, i gusti e i sapori sulle tavole, per non parlare delle tecnologie”, ha aggiunto.

Ad accompagnare gli ospiti tra allestimenti sfarzosi, sontuose mise-en-place e tripudi floreali, sarà un’enigmatica figura, capace di riemergere dal buio più profondo e spiccare un volo di fantasia. “L’identità di questa allegoria verrà svelata solo durante la serata, non voglio rovinare la sorpresa ai miei ospiti”, ha ironizzato Sautter.

Sul nuovo sito dedicato all’evento, www.ilballodeldoge.com , i biglietti per la serata stanno andando a ruba. Oltre al collaudato format di cena di gala con spettacolo, per questa edizione Il Ballo del Doge prevede un “After-Dinner” vivacizzato da un dj set.

continua a leggere sul sito di riferimento

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati