HomenewsVia Napoli, soccorsi impossibili...

Via Napoli, soccorsi impossibili (e promesse da marinaio?) per centinaia di famiglie

spot_imgspot_img
spot_imgspot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Dopo il terremoto che ha devastato Amatrice e dopo la lettera aperta che il sindaco Figliolia ha indirizzato ai puteolani per fare il punto della situazione su bradisismo e piani di evacuazione, a Pozzuoli21 si è rivolto un gruppo di residenti “dietro le quinte” di via Napoli, ossia alle spalle dei sottopassaggi ferroviari della Cumana.

La richiesta è univoca: ma se dovesse capitare qualcosa di brutto a noi, come facciamo ad essere raggiunti da ambulanze e vigili del fuoco?

La stradina impraticabile che consentirebbe il transito ai mezzi di soccorso
La stradina impraticabile che consentirebbe il transito ai mezzi di soccorso

Il problema persiste da molto tempo, da quando cioè i lavori di raddoppio dei binari hanno reso necessaria l’edificazione di un muro che ostruito la stradina indispensabile ai mezzi di soccorso per raggiungere via Barletta e il rione “Cappuccini” da via Savino Vitagliano.

Itinerario, per l’appunto, senza alternative visto che l’esigua altezza dei due sottopassi che si trovano (in entrata) su via Fatale e (in uscita) su via Barletta non consente il transito di veicoli del genere.

Nel frattempo, in quei rioni c’è chi è morto e forse si sarebbe potuto salvare, ma si prega anche il Padreterno che non accada mai nulla di così grave da dover richiedere l’intervento del 118 o dei pompieri.

Però, una cosa, tanti abitanti del posto la ricordano molto bene.

Il sindaco Figliolia durante l'incontro di 16 mesi fa con i residenti di via Napoli
Il sindaco Figliolia durante l’incontro di 16 mesi fa con i residenti di via Napoli

E cioè l’impegno assunto, il 4 maggio dell’anno scorso, dal sindaco Figliolia, durante una riunione con i cittadini tenutasi presso i locali della chiesa del Sacro Cuore di Gesù.

Era il periodo della campagna elettorale per le Regionali ma era anche la settimana precedente l’avvio dell’allora contestatissimo dispositivo di Ztl sul corso Umberto.

Figliolia disse che entro 20 giorni sarebbe stato rimosso il muro di via Savino Vitagliano e riaperta la strada per il transito dei mezzi di soccorso “dietro le quinte” del lungomare.

Sono trascorsi 16 mesi da quella promessa, ma nulla è cambiato.

Perchè?

Spieghi anche questo il Sindaco ai puteolani.

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli pubblicati