Sei anni di appalto per poco meno di 48 milioni di euro complessivi, circa 22 mila euro al giorno (da pagare per altri nove mesi) alla De Vizia, società concessionaria del servizio di rimozione e smaltimento dei rifiuti a Pozzuoli.

Nonostante questo cospicuo appannaggio, però, quasi quotidianamente da un po’ di tempo dobbiamo assistere a “spettacoli” come quello che un nostro lettore ha immortalato ieri mattina in via Roma.

La notizia è che il conducente del mezzo non deve soltanto guidare ma anche raccogliere la spazzatura.

Tre minuti e mezzo, tra una telefonata e l’altra (col motore acceso?) per rimuovere una quindicina di sacchetti di immondizia.

E poi via, con la guida a destra (come ai tempi di Pappagone….in molti si staranno probabilmente chiedendo a quale presunta era geologica possa risalire l’immatricolazione di quel camioncino…) verso nuovi cumuli da raccogliere lasciando il volante e i pedali.

Quanto impiegherà il nostro eroico lavoratore (che ha tutta la nostra comprensione umana) per compiere il giro affidatogli?

E, con questa velocità media di azione, riuscirà mai a completare la pulizia della sua zona di competenza prima che  termini il suo turno di servizio?

Ma, soprattutto, che fine ha fatto il personale preposto a questo specifico tipo di operazioni?

E’ in malattia? In ferie? E’ stato trasferito? Cacciato? Si è dimesso?

Domanda ancor più legittima e pertinente se si pensa che cinque operai stagionali (protagonisti di una drammatica protesta nove giorni fa in Municipio) hanno ricevuto il benservito dalla De Vizia perché evidentemente in esubero rispetto all’organico occorrente per liberare dai rifiuti il “capoluogo” flegreo, anche se vedere un autista “tuttofare” lascerebbe pensare esattamente il contrario.

Ci auguriamo che questo video sia oggetto di attenzione da parte della burocrazia comunale e della politica locale.

A loro toccherà il compito di capire se siamo di fronte ad una situazione di ordinaria amministrazione oppure di mancato rispetto del contratto di appalto.

Commenti