Le strade dell’inferno sono lastricate di buone intenzioni.

Ed è sicuramente buona l’idea di chi ha installato, a via Napoli, un dosso per limitare la velocità nei pressi del ristorante “Baia Marinella”, luogo in cui un mese fa c’è stato uno spettacolare incidente stradale.

Ma il diavolo a volte fa le pentole e non i coperchi. E così, questa cunetta che dovrebbe fungere da deterrente per chi ama correre (insieme ad altre che pare siano stati realizzate fino al confine con Bagnoli) rischia di  trasformarsi in un’ulteriore fonte di pericolo per automobilisti e centauri.

Il perché lo si capisce guardandola ad occhio nudo.

Nessuna segnalazione, né verticale né orizzontale.

In pratica, ce la si trova davanti improvvisamente e non si fa nemmeno in tempo a rallentare, figurarsi di notte.

Se qualcuno ha eseguito un lavoro a metà, è pregato di completarlo al più presto.

Ne va dell’incolumità di chiunque (e sono tantissimi) transiti di lì ad un’andatura un po’ più sostenuta.

Commenti