Durante il Consiglio Comunale dell’11 agosto scorso, dal dibattito politico è emerso che il Comune ha mantenuto il 30% di aumento (ingiustificato) dei costi delle bollette dell’acqua anche per pagare un maxiconguaglio di 1 milione e 350 mila euro addebitato al Municipio dal fornitore di energia elettrica.

L’appello che facciamo all’Amministrazione è molto semplice.

Prima di mettere le mani nelle tasche dei cittadini, vogliamo assicurarci di farlo soltanto per estrema necessità e non a causa di sprechi assurdi?

E’ da tempo immemorabile che, periodicamente, documentiamo lo sperpero di danaro pubblico derivato dalle lampade della pubblica illuminazione, lasciate accese anche di giorno.

Nelle foto e nel video che vi proponiamo, c’è quanto è accaduto al rione Toiano lunedì (a due passi dalle palazzine comunali) e stamattina in via Viviani a Monterusciello nei pressi del settimo circolo.

Qualcuno dice che siano “prove tecniche”: ma per essere degli “esperimenti” vanno avanti da fin troppo!

Chi deve provvedere (e quando lo farà) affinché situazioni del genere, ormai all’ordine del giorno su tutto il territorio cittadino, non accadano mai più?