Ricevo e pubblico*

Di chi è la responsabilità morale e civile?

Per un attimo ho immaginato che fosse uno stadio del “gioco” Blue Whale, la pazzia suicida che si sta diffondendo a macchia d’olio anche nel nostro paese. Immaginando la possibilità di documentare una vera tragedia, l’altro ieri ho resistito pochi secondi nel puntare il cellulare su quel mostro che sembra aspettare con ansia che accada una sciagura rinviata troppe volte per puro caso.

Non si contano gli appelli all’amministrazione e/al sindaco di intervenire immediatamente per scongiurare un sicuro dramma nel rudere dell’ex ristorante “Vincenzo a Mare” di via Napoli.

Inviti, istanze partite dai social network, da giornali locali e non, da blog e siti web.

Queste immagini (le prime per l’effetto drammatico che producono) dovrebbero indignare il sindaco, i candidati tutti, l’intera popolazione.

Oltre ai ragazzi più grandicelli, saliti sul tetto della struttura, c’erano anche i più piccoli, sulla scogliera sottostante, che, per fortuna, almeno fin quando ero presente sul posto, sono riuscito a far desistere dall’arrampicata.

Bisogna rendere inaccessibile quel posto da domani e provvedere, quanto prima, all’abbattimento di quel mostro. Demolizione troppe volte annunciata.

*Vito Bondi