I giovani della Diocesi di Roma in visita al rione Terra lunedì scorso

Circa 700 giovani pellegrini provenienti da tutta la Campania e da varie città del Sud si incontreranno domani, venerdì 10 agosto, alle ore 19, sul lungomare  di via Napoli per partecipare ad un momento di festa e ritrovo con il Cardinale di Napoli Crescenzio Sepe.

Pozzuoli è stata infatti scelta come tappa regionale prima dell’evento “Siamo qui, i giovani italiani incontrano Papa Francesco”, in programma tra sabato e domenica a Roma in preparazione del Sinodo dei Giovani, che si terrà dal 3 al 28 ottobre.

“Il prossimo Sinodo della Chiesa sulla loro fede e il discernimento vocazionale, ha messo e continua a mettere realmente in cammino i giovani italiani percorrendo centinaia di sentieri, giungeranno a Roma per incontrare Papa Francesco – scrive Don Mario Russo, responsabile per la Pastorale Giovanile nella Diocesi di Pozzuoli Il Sinodo, lo dice la parola stessa, invita a “camminare insieme”. Ecco perché l’incontro a Roma con il Papa, dell’11 e 12 agosto è preceduto da questi pellegrinaggi, dal titolo “X MILLE STRADE” che stanno consentendo ai giovani italiani di percorrere a piedi strade ricche di storia e scoprire luoghi di spiritualità e di fede capaci di far (ri)nascere in loro le domande più vere sul senso della vita”.

I giovani della parrocchia del Sacro Cuore di Gesù durante il loro cammino nel comune di Santa Maria a Vico in una foto col sindaco della città

Anche la Diocesi di Pozzuoli ha preso parte a questa bella ma faticosa esperienza, con 108 giovani delle parrocchie, dei movimenti e delle associazioni, che, insieme ai giovani delle diocesi di Acerra, Aversa, Nola, Napoli, Ischia, Caserta e Capua, a partire da martedì, hanno finora visitato luoghi simbolo di arte e spiritualità, come l’Episcopio di Arienzo (sede vescovile di sant’Alfonso), le Basiliche paleocristiane di Cimitile, il santuario della Madonna dell’Arco e la terra dei fuochi.

Una tappa rilevante sarà l’incontro con la realtà del carcere minorile di Nisida, domani mattina, 10 agosto.

Don Mario Russo (responsabile diocesano della Pastorale Giovanile) durante il cammino

“Ogni tappa  -prosegue Don Marioè stata caratterizzata da una tematica che ha stimolato la preghiera e la fraternità. I giovani campani, accompagnati dai loro educatori e sacerdoti, hanno camminato tra le bellezze della storia e della natura lasciando che la Parola, l’Eucaristia e le domande circa il senso della vita e della fede sostenessero il cammino e in questi luoghi, (ri)scoprire le radici della nostra fede. Proprio perché il Sinodo è frutto di una comunione ecclesiale, i giovani delle diocesi delle Metropolie di Salerno, Benevento e Napoli si sono messi in cammino non come “lupi solitari”, ma come “gregge” che segue il suo Pastore. Hanno camminato insieme con lo zaino in spalla e il cuore aperto: tre percorsi, una sola fede, una sola comunione nel Signore Gesù per giungere tutti domani sera, 10 agosto, a Pozzuoli. E qui si farà festa sullo scenario del Lungomare Sandro Pertini, prima di ripartire “alla volta di Roma”… sulle orme dell’Apostolo delle genti che su queste coste giunse nella primavera del 61 d.c. Numeri alla mano, saranno presenti per il 10 agosto circa 700 giovani campani che accoglieremo anche per la notte nelle nostre comunità parrocchiali e in scuole del territorio. Li accoglieremo come i cristiani di Puteoli accolsero Paolo di Tarso, per essere ancora una volta, diocesi accogliente, ospitale, degni di quei cristiani della prima ora. Il giorno seguente (sabato 11 agosto), partiremo per Roma, dove ci ritroveremo con tutti i giovani italiani giunti lì…“X MILLE STRADE”. Il programma di queste due giornate (sabato 11 e domenica 12 agosto) prevede tra l’altro, il racconto delle giornate di cammino, l’incontro con il Papa e la serata di festa, con lui, al Circo Massimo la notte bianca della fede nelle vie e nelle chiese di Roma e la Santa Messa con Francesco, in piazza San Pietro”.

Il sindaco Enzo Figliolia
Il cardinale Crescenzio Sepe

A salutare l’evento, anche il sindaco Enzo Figliolia che, in una nota, sottolinea come “l’amministrazione e la Città di Pozzuoli sono liete di accogliere i giovani e il cardinale Crescenzio Sepe per questo significativo momento di ritrovo e preghiera. È sempre una gioia vedere giovani che incontrano altri giovani, che si confrontano tra loro, che ritrovano motivazioni e senso di appartenenza. Il loro entusiasmo sarà sicuramente contagioso e spero che tanti nostri concittadini parteciperanno all’evento. Da parte nostra ci auguriamo anche che i giovani pellegrini possano godersi per qualche ora la nostra città e apprezzare le bellezze flegree”.

Commenti